sabato, 28 gennaio 2023
Medinews
26 Ottobre 2009

ICTUS: OGNUNO PUO’ FARE MOLTO, IL 29 OTTOBRE GIORNATA MONDIALE PER RICORDARLO

Con la domanda-slogan “E io cosa posso fare?” si celebra il prossimo 29 ottobre in tutto il mondo il ‘World Stroke Day’. Come riferisce in una nota la World Stroke Organization ognuno può fare qualcosa, imparando a riconoscere i sintomi dell’ictus e comportandosi di conseguenza, imparando quali sono i fattori di rischio. In questa occasione la European Society of Cardiology (ESC) pone l’accento sul fatto che la maggioranza dei fattori di rischio conosciuti per l’ictus sono condivisi con la malattia coronarica: dieta scorretta, fumo e inattività fisica sono inequivocabilmente riconosciute come cause della crescita epidemica di ipertensione, colesterolo alto, obesità e diabete, tutti fattori, assieme alla fibrillazione atriale, associati a una maggiore probabilità di decesso per infarto o ictus. Per Lars Rydeacuten del Karolinska Institute di Stoccolma, “l’ictus non è un’inevitabile conseguenza dell’età, così si può agire sui fattori di rischio per prevenirlo.” Come inoltre riporta la World Stroke Organization, l’ictus è responsabile ogni anno nel mondo di circa 6 milioni di decessi.

Esc
TORNA INDIETRO