venerdì, 3 febbraio 2023
Medinews
13 Aprile 2010

GUIDARE CON MAGNETE LE STAMINALI PER CURARE L’INFARTO

L’infusione di cellule staminali cardiache nella zona del cuore danneggiato da un infarto, mediante utilizzo di una guida costituita da un magnete e da microparticelle di ferro, aumenta la conservazione di tali cellule e quindi il potenziale beneficio della terapia. “Le terapie con cellule staminali sono una grande promessa, ma 24 ore dopo l’infusione abbiamo scoperto che meno del 10% delle cellule staminali rimane nell’area compromessa”, ha detto Eduardo Marbán, MD, direttore del Cedars Sinai Heart Institute di Los Angeles, California, Usa. “Una volta iniettate in un’arteria di un paziente, le cellule staminali si ‘perdono’ a causa della combinazione tra flusso tissutale del sangue, che le ‘dilapida’, e la contrazione cardiaca, che può inattivarle. Col metodo da noi sperimentato abbiamo viceversa trovato un modo per guidare di più le cellule direttamente alla zona interessata dalla lesione”. Lo studio è pubblicato on line da Circulation Research, rivista scientifica della American Heart Association.

Da Medical News Today
TORNA INDIETRO