lunedì, 15 luglio 2024
Medinews
18 Novembre 2013

GIOVANI MEDICI, TRA 4-5 ANNI 25 MILA LAUREATI ‘A SPASSO’ O ALL’ESTERO

“Fra quattro-cinque anni avremo 25.000 laureati in medicina che non avranno modo di lavorare con il sistema sanitario nazionale, che richiede come requisito obbligatorio un titolo di specializzazione. Per questi giovani l’unica possibilità di lavorare, a quel punto, sarà andare all’estero”. A lanciare l’allarme è Ignazio Martellucci, vicepresidente vicario di Federspecializzandi. “Tre anni fa – spiega Martellucci – uscivano dalle facoltà di medicina 6.500 laureati: 5.000 andavano in specializzazione, circa 1.000 optavano per diventare medici di base, e 500 rimandavano la scelta agli anni successivi o si barcamenavano in qualche modo, anche con il privato. Ora – aggiunge – con la riforma fatta sei anni fa avremo circa 7.500 laureati, a fronte di 2.500 borse di studio. Moltissimi di noi, se le cose non cambiano, si troveranno quindi senza un lavoro, a spasso, o dovranno andare all’estero”. Il “paradosso – conclude – è che tra qualche anno avremo invece carenza di medici e magari finiremo per prenderli da altri Paesi”.
TORNA INDIETRO