venerdì, 19 luglio 2024
Medinews
27 Luglio 2012

FREQUENZE DI MUTAZIONE BRAF/NRAS NEI TUMORI PRIMARI E NELLE METASTASI DI PAZIENTI CON MELANOMA

I dati di prevalenza delle mutazioni BRAF, NRAS e p16CDKN2A durante la progressione del melanoma non sono ancora conclusivi. Lo studio dei ricercatori italiani, coordinati dai colleghi del Consiglio Nazionale delle Ricerche, ha esaminato la prevalenza e la distribuzione delle mutazioni di questi geni in diversi tessuti di melanoma. Le analisi di mutazione, con sequenziamento automatico del DNA, sono state eseguite su 291 campioni totali di tessuto tumorale, prelevati da 132 pazienti con melanoma e sono stati inclusi campioni accoppiati di tumore primario (n = 102) e di metastasi sincrone o metacrone dagli stessi pazienti (n = 165). Le lesioni secondarie includevano i linfonodi (n = 84) e localizzazioni cutanee (n = 36), viscerali (n = 25) e celebrali (n = 44). I risultati dello studio, pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Oncology, indicano che mutazioni BRAF/NRAS sono state identificate nel 58% dei melanomi primari (43% BRAF, 15% NRAS); 62% nei linfonodi, 61% sottocute, 56% visceri e 70% aree cerebrali. Mutazioni erano anche osservate nel 63% delle metastasi (48% BRAF, 15% NRAS), con un incremento non significativo della frequenza di mutazione dopo progressione del melanoma primario. Nei campioni accoppiati, le metastasi linfonodali (consistenza 93%) e viscerali (consistenza 96%) presentavano una distribuzione delle mutazioni BRAF/NRAS molto simile ai melanomi primari, con un andamento meno significativo per le metastasi cerebrali (80%) e cutanee (75%). Ciò suggerisce che in alcuni pazienti vengono generati sotto-cloni indipendenti. Mutazioni p16CDKN2A sono state identificate nel 7% dei melanomi primari e nel 14% delle metastasi, con bassa consistenza (31%) tra campioni tumorali secondari e primari. In conclusione, nell’era delle terapie target è necessario valutare lo spettro e la distribuzione delle alterazioni dei target molecolari tra i pazienti con melanoma. I dati di prevalenza delle mutazioni BRAF/NRAS/p16CDKN2A nelle lesioni tumorali di pazienti con melanoma potrebbero essere utili nella gestione di questa malattia.

BRAF/NRAS Mutation Frequencies Among Primary Tumors and Metastases in Patients With Melanoma. Journal of Clinical Oncology 2012 Jul 10;30(20):2522
TORNA INDIETRO