mercoledì, 21 aprile 2021
Medinews
17 Settembre 2012

FAVO: CON IL DL BALDUZZI I FARMACI INNOVATIVI SONO SUBITO DISPONIBILI. “E’ UNA GRANDE VITTORIA PER I MALATI DI CANCRO”

“Non un semplice decreto sanità, ma un vero e proprio decreto salvavita per i malati oncologici”. E’ questo il commentato del Segretario Generale FAVO Elisabetta Iannelli dopo la pubblicazione su Gazzetta Ufficiale del dl Balduzzi. Il nuovo provvedimento accoglie una delle più rilevanti richieste presentate dalla FAVO affinché i farmaci innovativi per la cura dei tumori siano resi immediatamente disponibili in ogni parte d’Italia subito dopo la registrazione da parte dell’AIFA, senza che si debba attendere l’approvazione delle commissioni regionali e provinciali ed il successivo inserimento nei PTR. La FAVO e l’AIOM già dal 2010 avevano segnalato i gravissimi ritardi e le difformità di accesso ai farmaci innovativi nelle diverse Regioni. Il grido di allarme dei rappresentanti dei malati di cancro, documentato con dati oggettivi nella sua desolante gravità, ha portato un primo risultato con l’approvazione dell’accordo sull’accesso ai farmaci innovativi siglato nell’ambito della Conferenza Stato-Regioni il 18 novembre 2010. Nel febbraio del 2011, sempre su sollecitazione della FAVO, è stata presentata un’interpellanza al Governo da 36 deputati basata sui dati raccolti nel II Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici (2010). Infine in occasione della VII Giornata Nazionale del Malato Oncologico Giornata del Malato FAVO, AIOM e SIE avevano inviato una lettera aperta al Ministro della Salute Balduzzi denunciando la drammatica situazione. “Il provvedimento contenuto nel dl sanità – ha affermato il Presidente FAVO Francesco De Lorenzo -, ristabilisce il principio costituzionale di tutela della salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività. I malati di tumore hanno diritto, per la grave patologia cui sono affetti, a ricevere sempre, e ovunque residenti, la migliore terapia possibile, nel rispetto del principio di uguaglianza”.
TORNA INDIETRO