mercoledì, 8 febbraio 2023
Medinews
15 Marzo 2010

FATTORI PROGNOSTICI NEL CARCINOMA RENALE PAPILLARE

Il sistema di stadiazione UICC TMN 2002 non sembra applicabile a questo tipo di tumore e gli autori consigliano un follow-up più attento dei pazienti che presentano trombo venoso o malattia localmente avanzata. Una revisione centralizzata della patologia per validare le diagnosi istopatologiche è stata condotta raccogliendo i dati di follow-up di 675 pazienti con carcinoma renale di tipo papillare, ricoverati in 10 istituti urologici in Germania. Il metodo di Kaplan-Meier è stato utilizzato per stimare la sopravvivenza cumulativa cancro-specifica e globale e il log rank test per comparare le curve tra 2 o più gruppi. La regressione di Cox è stata eseguita per l’analisi multivariata dei fattori prognostici. Tutte le assunzioni di rischio proporzionale sono state verificate sistematicamente usando il test di Grambsch-Therneau. Lo studio pubblicato nel Journal of Urology (leggi abstract originale) ha indicato una correlazione significativa tra sopravvivenza cancro-specifica e stadio TNM, e grado istologico, sia in analisi univariata che multivariata. La sopravvivenza cancro-specifica a 5 anni nei pazienti in stadio pT1b era significativamente più bassa di quella dei pazienti in stadio pT1a (90.0% vs 98.3%; p = 0.017), mentre non è stata osservata differenza significativa per i tumori pT1b e pT2. I pazienti con tumore pT3 o in stadio più avanzato avevano un rischio di metastasi più alto (50.6%), mentre la malattia metastatica associata a pT2 o stadio più basso si è manifestata nel 7.8% dei pazienti (p < 0.0001). Dopo osservazione di metastasi, la prognosi era sfavorevole e la sopravvivenza cancro-specifica a 5 anni era del 7.2%. L’età è stata associata a prognosi sfavorevole nel sottogruppo di pazienti in stadio pT3 o più alto, solo in analisi univariata (p = 0.026). Dall’analisi dei dati di questo studio, i ricercatori tedeschi suggeriscono che nella forma attuale il sistema di stadiazione UICC TNM 2002 non possa essere applicato al carcinoma renale papillare. Un follow-up clinico e radiologico ad intervalli più frequenti dovrebbe essere offerto a tutti i pazienti che presentano trombo venoso e/o malattia localmente avanzata. Il ruolo dell’età rimane poco chiaro, ma non dovrebbe essere sottostimato nella stratificazione del rischio dopo la procedura chirurgica.
TORNA INDIETRO