Medinews
22 Dicembre 2014

FARMACI: NEL 2013 OLTRE 40MILA SEGNALAZIONI DI REAZIONI AVVERSE

Nel 2013 la Rete nazionale di farmacovigilanza ha registrato 40.957 segnalazioni di reazioni avverse di cui il 31% definite gravi perché causa di ricovero. Il tasso di segnalazioni si attesta a 690 casi per milione di abitanti ed è superiore a quello di altri Paesi Europei con una forte tradizione nella farmacovigilanza. Inoltre risulta più alto del valore definito dall’OMS come “gold standard” per un efficiente sistema di sicurezza che è di 300 segnalazioni per milione di abitanti. E’ questa la fotografia scattata dalla Relazione sullo stato sanitario del Paese 2012-2013 presentata a Roma. “L’aumento delle segnalazioni è stato principalmente riferito a farmaci diversi dai vaccini (+47%) mentre per questi ultimi – si legge nel rapporto – la situazione è rimasta stazionaria, con un lieve aumento dello 0,3%. Il 54% delle segnalazioni avverse nel 2013 è stato trasmesso da Lombardia, Toscana e Campania. Nel 2013 i medici ospedalieri hanno rappresentato la fonte principale di segnalazioni (52%), seguiti da farmacisti (16%), medici specialisti (9%) e medici di medicina generale (7%). Gli antimicrobici (24%) e antineoplastici (18%) e quelli del sistema nervoso centrale (14%) sono stati tra i farmaci più segnalati”.
TORNA INDIETRO