domenica, 5 febbraio 2023
Medinews
3 Novembre 2010

ESPRESSIONE, DISTRIBUZIONE E RILEVANZA PROGNOSTICA DI RECETTORI TRAIL NEL CARCINOMA EPATICO

La perdita di questi recettori nelle cellule cancerose è caratteristica del tumore e rappresenta un fattore predittivo indipendente di sopravvivenza nei pazienti sottoposti a epatectomia

Dopo l’introduzione delle terapie target nel trattamento dell’epatocarcinoma sono stati fatti enormi passi avanti nella conoscenza delle diverse vie del segnale cellulare che concorrono alla sopravvivenza e alla proliferazione cellulare in questo tumore. Il segnale apoptotico mediato da TRAIL (Tumor Necrosis Factor-Related Apoptosis Inducing Ligand) rappresenta un importante meccanismo di sorveglianza del tumore, ma il suo ruolo nello sviluppo del carcinoma epatico non è ancora noto. Ricercatori della Ludwig-Maximilians-Universität di Monaco hanno esaminato la distribuzione cellulare e la rilevanza prognostica dei recettori TRAIL nell’epatocarcinoma. La colorazione immunoistochimica dei recettori TRAIL è stata utilizzata per valutare i loro contenuti nei tessuti tumorali e in quelli circostanti (non tumorali) di 157 pazienti con carcinoma epatico sottoposti a trapianto di fegato o epatectomia parziale. La sopravvivenza è stata analizzata in 93 pazienti sottoposti a epatectomia parziale. La frazione di campioni di carcinoma epatico positivi al recettore TRAIL 1 e 2 (TRAIL-R1, TRAIL-R2) era 1.4 e 2.7 volte più bassa rispetto a quella negli epatociti del tessuto circostante (p = 0.01). In analisi multivariata, la perdita di TRAIL-R1 o TRAIL-R2 peggiorava significativamente la sopravvivenza a 5 anni dei pazienti con carcinoma epatico: 27% vs 52% e 15% vs 43%; hazard ratio [HR] 2.3 (range: 1.1 – 4.4) e 2.4 (range: 1.1 – 5.2) rispettivamente per i due recettori. La perdita contemporanea di entrambi riduceva ulteriormente la sopravvivenza dei pazienti (HR 5.72, range: 2.1 – 15.5, vs colorazione doppio-negativo; p = 0.001) indicando un effetto additivo di TRAIL-R1 e TRAIL-R2 sulla sopravvivenza. Questo studio pilota, pubblicato nella rivista Clinical Cancer Research (leggi abstract originale), suggerisce quale caratteristica frequente nei carcinomi epatici la perdita dei recettori TRAIL che rappresenta un fattore predittivo indipendente di sopravvivenza nei pazienti sottoposti a epatectomia parziale. Protocolli di terapia futuri contribuiranno verosimilmente alla caratterizzazione dell’espressione e della distribuzione cellulare di questi recettori.


Liver Cancer Newsgroup – Numero 11 – Novembre 2010
TORNA INDIETRO