domenica, 5 febbraio 2023
Medinews
16 Novembre 2010

ESPRESSIONE DEL RECETTORE FSH NEI VASI SANGUIGNI DEL TUMORE

Negli adulti, il recettore dell’ormone follicolo-stimolante (FSH) è espresso solo nelle cellule della granulosa dell’ovaio e nelle cellule di Sertoli del testicolo. Risulta invece presente in minima proporzione nelle cellule endoteliali dei vasi sanguigni delle gonadi. Allo scopo di rilevare il recettore per FSH in campioni di tessuto prelevati da pazienti colpiti da tumori di varie tipologie, ricercatori guidati da Aureliano Radu della Mount Sinai School of Medicine di New York, negli Usa, hanno utilizzato tecniche sierologiche di immunoistochimica e immunoblotting con quattro distinti anticorpi monoclonali specifici che riconoscono differenti epitopi del recettore FSH e ibridizzazione in situ per identificare il recettore FSH in campioni di tessuto ottenuti da pazienti oncologici. La microscopia immunoelettronica è stata applicata per rilevare il recettore FSH in tumori murini. La ricerca, pubblicata sul New England Journal of Medicine (leggi abstract originale), indica che in tutti i 1336 pazienti esaminati il recettore per l’FSH era espresso dalle cellule endoteliali dei tumori ad ogni stadio considerato, comprese le neoplasie T1 precoci. Questi erano localizzati nei seguenti organi: prostata, mammella, colon, pancreas, vescica, rene, polmone, fegato, stomaco, testicolo e ovaio. Nei campioni prelevati nel corso dell’intervento chirurgico effettuato per rimuovere i carcinomi, il recettore FSH non era espresso nei tessuti sani situati a più di 10 mm dal tumore. Allo stesso modo, i vasi linfatici della neoplasia non esprimevano il recettore per l’FSH. Le cellule endoteliali che sono state trovate esprimere il recettore FSH erano localizzate alla periferia dei tumori, comprese in uno strato di circa 10 mm di spessore esteso sia all’interno che all’esterno della massa neoplastica. La microscopia immunoelettronica sui topi con tumori trapiantati, dopo perfusione con anticorpi anti-recettore FSH e oro colloidale, ha evidenziato che il recettore per FSH è esposto sulla superficie del lume endoteliale e può legare e interiorizzare ligandi circolanti. Nelle conclusioni i ricercatori affermano che il recettore per FSH risulta selettivamente espresso sulla superficie interna dei vasi sanguigni limitrofi alle masse neoplastiche di molte tipologie di tumori.
TORNA INDIETRO