sabato, 4 febbraio 2023
Medinews
25 Ottobre 2010

EMA, NUOVE REGOLE CONTRO CONFLITTI INTERESSE COMITATI VALUTAZIONE

Nuove regole per contrastare potenziali conflitti d’interesse degli esperti chiamati a valutare le richieste di autorizzazione dei farmaci nel vecchio continente. A dettarle l’Agenzia europea dei medicinali, che ha pubblicato la normativa indirizzandola ai componenti dei suoi comitati consultivi con l’obiettivo di “bilanciare la necessità di garantire i migliori esperti d’Europa per la valutazione e la vigilanza sui farmaci, assicurando al contempo che essi non abbiano alcun interesse finanziario o di altro tipo nell’industria farmaceutica, tali da inficiare la loro imparzialità”. Le nuove norme si basano su tre pilastri: la robustezza, l’efficienza e la trasparenza. Tutti i componenti dei comitati scientifici saranno tenuti a presentare una dichiarazione firmata e successivamente sarà assegnato a ognuno di loro un ‘livello di rischio’ basato sulla presenza o meno di possibili conflitti d’interesse. Questa procedura avverrà prima della nomina formale dell’esperto. Tutto ciò, comunica l’Ema, sarà accompagnato da “un aumento della trasparenza durante l’intero processo di revisione scientifica” e le dichiarazioni di interesse di tutti i membri dei comitati saranno pubblicate sul sito internet dell’Agenzia. Si prevede che la nuova politica entrerà in vigore entro il secondo trimestre del 2011.
TORNA INDIETRO