sabato, 5 dicembre 2020
Medinews
22 Giugno 2011

EFFETTO DELLO SCREENING SULLA MORTALITÀ DA CANCRO OVARICO

L’esame contemporaneo dell’antigene 125 (CA-125) con l’ecografia transvaginale in donne statunitensi non sembra ridurre la mortalità per cancro ovarico e, d’altra parte, la valutazione diagnostica conseguente a falsi positivi è stata associata a complicanze. Ad oggi, non erano conosciuti gli effetti dello screening per il cancro ovarico con CA-125 ed ecografia transvaginale e per valutare ciò i ricercatori del progetto di screening per il cancro alla prostata, al polmone, al colon-retto e all’ovaio (PLCO) hanno condotto uno studio randomizzato, controllato. Un totale di 78216 donne, di età compresa tra 55 e 74 anni, sono state assegnate a sottoporsi a screening annuale (n = 39105) o alla consueta assistenza (n = 39111) in 10 centri di screening statunitensi tra novembre 1993 e luglio 2001. Al gruppo di intervento è stato offerto lo screening di CA-125 per 6 anni e l’ecografia transvaginale per 4 anni. Le partecipanti e i medici che le seguivano hanno ricevuto i risultati dello screening e gestito i risultati anormali. Al gruppo di sola assistenza non è stato offerto lo screening annuale con CA-125 (6 anni) o l’ecografia transvaginale, ma le donne hanno ricevuto l’assistenza medica usuale. Le partecipanti sono state seguite per un periodo massimo di 13 anni (mediana 12.4 anni, range: 10.9 – 13.0) per la diagnosi di cancro o morte fino al 28 febbraio 2010. Esiti principali dello studio erano la mortalità per cancro ovarico, che comprendeva anche tumori primari al peritoneo e alle tube di Falloppio; esiti secondari includevano l’incidenza di cancro ovarico e le complicanze associate agli esami di screening e alle procedure diagnostiche. Nello studio pubblicato sulla rivista Journal of the American Medical Association (leggi abstract originale) il cancro ovarico è stato diagnosticato in 212 donne (5.7 per 10000 persone-anno) nel gruppo di intervento e in 176 (4.7 per 10000 persone-anno) nel gruppo di sola assistenza (rate ratio [RR] 1.21, intervallo di confidenza [IC] 95%: 0.99 – 1.48), con 118 decessi per cancro ovarico (3.1 per 10000 persone-anno) nel primo gruppo e 100 (2.6 per 10000 persone-anno) nel secondo (RR di mortalità 1.18, IC 95%: 0.82 – 1.71). Delle 3285 donne con risultati falso-positivi, 1080 sono state sottoposte a follow-up chirurgico e 163 hanno manifestato almeno una complicanza grave (15%). Inoltre, nel gruppo di intervento si sono verificati 2924 decessi per altre cause (escludendo tumori ovarici, colorettali e polmonari) (76.6 per 10000 persone-anno) e 2914 (76.2 per 10000 persone-anno) in quello di sola assistenza (RR 1.01, IC 95%: 0.96 – 1.06).
TORNA INDIETRO