sabato, 4 febbraio 2023
Medinews
6 Aprile 2010

DOPO L’INFARTO IL RIMODELLAMENTO CARDIACO E’ MENO EFFICIENTE NELLE DONNE

Maschi e femmine possiedono una diversa capacità di riprendersi da un infarto miocardico grazie al rimodellamento cardiaco. È quanto risulta da uno studio multicentrico appena pubblicato sull’American journal of cardiology, in cui si sono analizzate le differenze di genere nelle relazioni tra i parametri ecocardiografici di rimodellamento, e gli esiti clinici in pazienti con angina cronica stabile. Nello studio, su 7.016 pazienti, sono stati misurati la frazione d’eiezione all’inizio della ricerca, il volume telediastolico e quello telesistolico. La mortalità da tutte le cause, cardiaca e lo scompenso cardiaco incidente sono stati determinati dopo una mediana di 5 anni. L’associazione tra frazione d’eiezione e mortalità si è rivelata differente in modo significativo tra uomini e donne, con un aumento più marcato del rischio in queste ultime, al ridursi della frazione d’eiezione, rispetto ai maschi. Inoltre, un’interazione significativa in base al genere si è vista circa l’associazione tra volume telesistolico e il rischio di scompenso. I risultati potrebbero servire, secondo i ricercatori, per identificare le donne a più alto rischio cardiovascolare.

Da Doctornews.it
TORNA INDIETRO