mercoledì, 5 ottobre 2022
Medinews
4 Luglio 2011

DOLORE TORACICO: MEDICI DI FAMIGLIA IPOTIZZANO CORONAROPATIA PIÙ SPESSO NEI MASCHI

Il dolore toracico rappresenta uno dei motivi più comuni di consultazione in medicina generale, ma esistono scarsi dati che chiariscono se, in questo ambito, i pazienti di sesso maschile siano trattati in modo diverso rispetto alle donne. La questione è stata affrontata dall’équipe diretta da Stefan Bösner, del dipartimento di Medicina di famiglia dell’università di Marburgo, in Germania, attraverso uno studio prospettico – condotto in 74 ambulatori di medicina generale tra il 2005 e il 2006 – su 1.212 pazienti con dolore al torace. Dopo un periodo di follow-up di circa 6 mesi, un gruppo di esperti indipendente e interdisciplinare ha analizzato i dati clinici di ogni paziente, stabilendo l’eziologia del sintomo al momento del reclutamento nello studio. È emerso che i medici di famiglia tendono ad attribuire il dolore toracico a una coronaropatia più spesso negli uomini che nelle donne; i maschi, inoltre, con maggiore frequenza sono sottoposti a test da sforzo (7,3% vs 4,1%) e vengono ricoverati in ospedale (6,6% vs 2,9%). Queste differenze sono rimaste inalterate dopo aggiustamento per età e fattori di rischio cardiaco, mentre sono scomparse dopo correzione in base alle caratteristiche del dolore. Se la differenza di età e la prevalenza di coronaropatia non possono spiegare le difformità di atteggiamento clinico osservate, concludono gli autori, un elemento che può contribuire a determinarle è la presentazione dei sintomi, che risulta meno “tipica” nella donne. In ogni caso, si sottolinea nei risultati della ricerca, ciò non sembra determinare una gestione subottimale del problema nelle donne, quanto piuttosto un ricorso eccessivo ai servizi sanitari per i pazienti maschi. Si tratta peraltro di ipotesi preliminari, da verificare con studi più ampi.

DoctorNews – BMC Fam Pract
TORNA INDIETRO