lunedì, 18 ottobre 2021
Medinews
24 Luglio 2012

DIRETTIVA UE: DAL 2016 PIÙ FACILE ACCESSO ALLE TERAPIE INNOVATIVE

A partire dal 2016 per i pazienti europei sarà più agevole beneficiare delle terapie innovative. Questo obiettivo sarà realizzato grazie ad una ricerca clinica più attrattiva in materia di sperimentazione di farmaci e a procedure di autorizzazione dei medicinali semplificate. E’ quanto ha annunciato la Commissione Europea proponendo un aggiornamento alla direttiva UE del 2001 sulla sperimentazione clinica. “Quel regolamento non ha dato i risultati sperati, a causa di norme svantaggiose per i ricercatori – ha affermato il Commissario alla salute e ai consumatori John Dalli – Negli ultimi anni si è constatato una caduta del 25% delle sperimentazioni cliniche passate dalle 5mila autorizzazioni richieste nel 2007 alle 3.800 dello scorso anno. In Europa i pazienti dovrebbero avere accesso alla ricerca clinica più innovativa, la quale porterebbe risparmi per oltre 800 milioni di euro l’anno”. Sul fronte della sicurezza Dalli ha indicato che in materia di sperimentazione, la Commissione ha previsto la possibilità di effettuare controlli nei singoli Stati membri e in altri Paesi. La proposta ora dovrà essere esaminata sia dal Parlamento di Strasburgo che dal Consiglio UE.
TORNA INDIETRO