sabato, 4 febbraio 2023
Medinews
23 Novembre 2010

DIABETE: STILE DI VITA ESSENZIALE PER RIDURRE IL RISCHIO DI MALATTIE CARDIOVASCOLARI

Le persone colpite da diabete possono correre un rischio fino a cinque volte maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto a chi non convive con questa patologia metabolica. Per i malati ciò comporta una riduzione variabile tra i sette e i dieci anni nell’aspettativa di vita e una maggiore probabilità di subire un attacco cardiaco. In occasione della Giornata mondiale del diabete, celebrata il 14 novembre 2010, la Società Europea di Cardiologia (ESC) ha sottolineato le misure semplici che i pazienti dovrebbero adottare per rallentare la progressione dei rischi cardiovascolari e per migliorare notevolmente la qualità della vita: seguire una dieta sana, più esercizio fisico, smettere di fumare, limitare il consumo di alcool. “Si tratta di buoni consigli per i non-diabetici, ma per i diabetici è letteralmente una questione ‘di vita o di morte’”, ha affermato senza mezzi termini Joep Perk della School of Health and Caring Sciences presso la Linneo University in Svezia, e membro del consiglio dell’Associazione europea di prevenzione e riabilitazione cardiovascolare (EACPR). L’urgenza di affrontare al più presto il problema del diabete è evidenziata dalle previsioni di 330 milioni di malati in tutto il mondo entro il 2050. Questa cifra rappresenta addirittura il 3% della popolazione globale prevista per quegli anni.

Esc
TORNA INDIETRO