sabato, 28 gennaio 2023
Medinews
9 Novembre 2010

DIABETE: ASSOCIAZIONE PERINDOPRIL-INDAPAMIDE EFFICACE E CONVENIENTE PER RIDURRE LA PRESSIONE ARTERIOSA

Obiettivo principale dello studio condotto presso il Centro di Epidemiologia Clinica e Biostatistica dell’Università di Bond, Queensland, in Australia, era determinare il rapporto costo-efficacia della terapia anti-ipertensiva di combinazione perindopril più indapamide in pazienti con diabete mellito di tipo 2. Nello studio multicentrico, randomizzato e controllato, 11.140 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere l’associazione (dose: 4 mg-1.25 mg al giorno) o un placebo. Sono stati misurati la qualità di vita collegata alla salute, l’utilizzo delle risorse e il rapporto costi/benefici misurato in termini di aumento della sopravvivenza. La media del punteggio di salute-qualità di vita è risultata 0,80 (su una scala da 0 a 1 dove 0=decesso, 1=salute integrale), senza differenze tra i due gruppi. Ma in quello in trattamento farmacologico si è osservata una riduzione dei ricoveri ospedalieri per malattia coronarica e della rivascolarizzazione coronarica del 5%. La terapia, dal costo di 1.368 dollari australiani (A$) per paziente nello studio, ha ridotto i costi di ospedalizzazione totali di 410 A$ e i costi per altri farmaci (principalmente anti-ipertensivi) di 332 A$. La riduzione assoluta della mortalità per tutte le cause per il gruppo in trattamento farmacologico è stata dell’1,1%, richiedendo un costo per vita salvata di 49.200 A$ e un costo stimato per anno di vita guadagnato di 10.040 A$. Nella conclusione i ricercatori affermano che l’associazione di perindopril e indapamide in pazienti con diabete di tipo 2 sembra avere un positivo ritorno in termini di rapporto costo-efficacia.

Medical Journal of Australia
TORNA INDIETRO