Medinews
2 Settembre 2014

DETERMINANTI DEI LIVELLI DI ALFA-FETOPROTEINA IN PAZIENTI CON CARCINOMA EPATICO: IMPLICAZIONI PER L’USO CLINICO

Sesso e peculiarità della malattia epatica cronica sono le caratteristiche non tumorali che influenzano i livelli sierici di alfa-fetoproteina (AFP) in pazienti con carcinoma epatico. L’AFP è un biomarcatore comunemente utilizzato nel trattamento dei pazienti con carcinoma epatico, sebbene i possibili determinanti dei livelli sierici in questi pazienti non siano stati adeguatamente esplorati. In questo studio, i ricercatori afferenti al gruppo ITA.LI.CA (Italian Liver Cancer) hanno valutato la rilevanza dei fattori demografici, clinici e oncologici sulla presenza di livelli elevati di AFP in un’ampia coorte di pazienti con carcinoma epatico. In 4123 pazienti con carcinoma epatico, trattati da oncologi afferenti al gruppo ITA.LI.CA, sono stati determinati i livelli di AFP in relazione alla loro associazione con le caratteristiche demografiche, biochimiche, cliniche e oncologiche. I pazienti sono stati suddivisi secondo la presenza di elevati livelli di AFP (ad esempio > 10 ng/mL). Nello studio pubblicato sulla rivista Cancer (leggi abstract), i livelli di AFP erano elevati nel 62.4% dei pazienti con carcinoma epatico. L’analisi di regressione logistica multivariata ha indicato che il sesso femminile (odds ratio [OR] 1.497; intervallo di confidenza [IC] 95%: 1.250 – 1.793; p < 0.0001), la presenza di cirrosi (OR 1.538; IC 95%: 1.050 – 2.254; p = 0.027), la malattia epatica a eziologia virale (OR 1.900; IC 95%: 1.589 – 2.272; p < 0.0001), elevati livelli di alanina aminotransferasi (OR 1.878; IC 95%: 1.602 – 2.202; p < 0.0001), bassi livelli di albumina (OR 1.301; IC 95%: 1.110 – 1.525; p = 0.012), dimensioni del tumore epatico > 2 cm (OR 1.346; IC 95%: 1.135 – 2.596; p = 0.001), la multinodularità del carcinoma epatico (OR 1.641; IC 95%: 1.403 – 1.920; p < 0.0001) e la presenza di invasione vascolare (OR 1.774; IC 95%: 1.361 – 2.311; p < 0.0001) sono stati indipendentemente associati a elevati livelli di AFP. Sia il livello mediano di AFP che la percentuale di pazienti con elevati livelli aumentavano con il diminuire del grado di differenziazione del carcinoma epatico (p < 0.0001). In conclusione, sesso e peculiarità della patologia cronica del fegato sono state identificate quali caratteristiche non tumorali che influenzano i livelli sierici di AFP nei pazienti con carcinoma epatico. Quindi, queste osservazioni dovrebbero essere considerate limitazioni quando si interpreta il significato oncologico di questo marcatore biologico nella pratica clinica.
TORNA INDIETRO