martedì, 23 luglio 2024
Medinews
23 Dicembre 2013

DENSITÀ MAMMOGRAFICA E RISCHIO DI CARCINOMA MAMMARIO SECONDO ETÀ E CARATTERISTICHE DEL TUMORE

La densità mammografica è potentemente associata a tutti i sottotipi di tumore mammario, ma in particolare a quelli di maggiori dimensioni e con linfonodi positivi, a tutte le età della donna, e allo stato ER-negativo, nelle più giovani di 55 anni. Capire se la densità mammografica sia associata a tutti i sottotipi di tumore mammario e se la forza di questa associazione vari secondo l’età è importante per includere la densità mammografica nei modelli di rischio. Ricercatori dei più importanti centri oncologici degli Stati Uniti, coordinati dai colleghi del Brigham and Women’s Hospital and Harvard Medical School di Boston, hanno raccolto i dati da sei studi che comprendevano 3414 pazienti con tumore mammario e 7199 donne senza neoplasie che si erano sottoposte a screening mammografico. La densità mammografica percentuale è stata ricavata dalle mammografie digitalizzate con tecnica computerizzata di identificazione della soglia. Gli autori dello studio pubblicato sulla rivista Breast Cancer Research (leggi abstract) hanno utilizzato la regressione logistica politomica per calcolare il rischio di tumore mammario, secondo tipo, caratteristiche isto-patologiche e stato dei recettori (per gli estrogeni [ER], per il progesterone [PR] e per il fattore di crescita epidermico umano [HER2], secondo l’età (< 55, 55 – 64 e ≥ 65 anni). I risultati suggeriscono un’associazione diretta tra densità mammografica e rischio di tumori invasivi a tutte le età, con un rischio raddoppiato nei casi di densità elevata (> 51%) vs media (11 – 25%). Le donne di età < 55 anni con elevata densità mammografica mostrano un rischio maggiore di carcinoma duttale in situ (DCIS), rispetto alle donne di età compresa tra 55 e 64 anni e ≥ 65 anni (p interazione con età = 0.02). A tutte le età, la densità mammografica era associata in modo significativo ai tumori di grandi (> 2.1 cm) vs piccole dimensioni e con stato linfonodale positivo vs negativo (tutte p < 0.01). Rispetto ai gruppi di età compresa tra 55 e 64 anni e ≥ 65 anni, nelle donne di età < 55 anni è stata osservata un’associazione più potente tra densità mammografica e carcinoma mammario ER-negativo, rispetto ai tumori ER-positivi (p interazione con età = 0.04). La densità mammografica è stata inoltre associata positivamente sia ai tumori HER2-negativi che HER2-positivi in tutti i gruppi d’età. In conclusione, la densità mammografica è fortemente associata a tutti i sottotipi di tumore mammario, ma in particolare a quelli più estesi e linfonodo-positivi, a tutte le età, e allo stato ER-negativo nelle donne di età < 55 anni. Questo suggerisce che una densità mammografica elevata può giocare un ruolo importante nell’aggressività del tumore, specialmente nelle donne più giovani.
TORNA INDIETRO