giovedì, 2 febbraio 2023
Medinews
8 Marzo 2010

DEFICIENZA ORMONALE IN SOPRAVVIVENTI AL TUMORE DEL TESTICOLO

Uomini giovani che sopravvivono al cancro che colpisce il testicolo presentano una marcata alterazione della qualità di vita (QOL), della forza fisica (fatigue) e della qualità della funzione sessuale. Tutto ciò risulta esacerbato nelle persone con deficienza di androgeni. Al contrario, il distress psicologico non è alterato, l’autostima è normale e le relazioni sessuali non sono modificate. La relazione con il testosterone è complessa e sembra sia legata ad un valore soglia, più che ad una correlazione diretta. La deficienza di androgeni è sempre più osservata nei giovani sopravviventi al cancro del testicolo, tuttavia l’impatto sulla QOL non è stato ancora definito. Ricercatori britannici, in collaborazione con colleghi statunitensi, hanno esaminato la relazione tra livelli sierici di androgeni, QOL, autostima, fatigue e funzione sessuale in giovani uomini sopravviventi rispetto a individui normali. Lo studio osservazionale ‘cross-sectional’, pubblicato nella rivista Cancer (leggi abstract originale), ha coinvolto 176 uomini sopravviventi al tumore del testicolo e 213 controlli di sesso maschile, di età compresa tra 25 e 45 anni. A tutti i partecipanti sono stati somministrati 3 questionari sulla QOL (Medical Outcomes Study 36-Item Short-Form Health Survey version 2, 12-item General Health Questionnaire [GHQ-12] e Aging Male Scale) e altri specifici per la misura di autostima (Rosenberg Self-Esteem Scale), fatigue (Functional Assessment of Chronic Illness Therapy-Fatigue) e funzione sessuale (Derogatis Interview for Sexual Functioning-II Self-Report-Male). I sopravviventi al cancro del testicolo mostravano punteggi più bassi su tutti i punti del Short-Form Health Survey (QOL), dell’Aging Male Scale (QOL) e del Functional Assessment of Chronic Illness Therapy-Fatigue (fatigue) e su 4 delle 5 sezioni del Derogatis Interview for Sexual Functioning-II Self-Report-Male (funzione sessuale), rispetto ai controlli sani. La maggior parte di queste differenze rimanevano anche dopo aggiustamento con analisi di regressione lineare. Il grado di disordine psichiatrico o l’autostima non era invece diverso tra i due gruppi. Tra i sopravviventi, quelli con deficienza androgenica (livelli di testosterone 10 nmol/L) avevano punteggi più bassi dei controlli in tutti i punti dei questionari Short-Form Health Survey, General Health Questionnaire, Functional Assessment of Chronic Illness Therapy-Fatigue e Derogatis Interview for Sexual Functioning. Le concentrazioni sieriche di testosterone sono solo lievemente correlate con le misure della salute dei pazienti, tuttavia gli autori indicano la necessità di condurre studi interventistici per valutare se la terapia sostitutiva con testosterone possa migliorare la QOL in questi giovani sopravviventi.
TORNA INDIETRO