mercoledì, 6 luglio 2022
Medinews
20 Giugno 2011

CON PIANI DI RIENTRO A RISCHIO I SERVIZI SANITARI

Senza i piani di rientro il deficit sanitario aumenterebbe fino a dieci volte, ma nelle Regioni soggette a contenimento esistono alcuni “effetti collaterali”. È quanto emerge da “Il sistema sanitario in controluce”, il quinto Rapporto della fondazione Farmafactoring realizzato in collaborazione con Cergas Bocconi e Censis. La relazione ha analizzato la spesa delle Regioni e gli effetti del federalismo a partire dai dati del Sissi (progetto di Simg e Ceis Tor Vergata), che prevede per il 2011 un deficit pari a 2,1 miliardi. Senza piani di rientro la cifra raggiungerebbe i 22,8 miliardi. “Le Regioni interessate hanno oggi indicatori di offerta sanitaria quasi sempre inferiori rispetto alle altre, – si legge nel rapporto – con la conseguenza che i loro cittadini possono beneficiare di un set di prestazioni pro capite più limitato”. Nei territori soggetti a contenimento di spesa cala, infatti, il livello di gradimento da parte dei cittadini.
TORNA INDIETRO