sabato, 4 febbraio 2023
Medinews
6 Aprile 2010

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE IN PAZIENTI ANZIANI CON TUMORE AL COLON IN STADIO AVANZATO

Tra i pazienti con cancro al colon allo stadio III, che si sottopongono a resezione chirurgica e a chemioterapia adiuvante, i più anziani ricevono in genere regimi di trattamento chemioterapico più brevi e meno tossici e presentano meno frequentemente eventi avversi rispetto ai pazienti più giovani. Studi clinici randomizzati hanno confermato l’efficacia della chemioterapia adiuvante nei pazienti anziani con cancro al colon allo stadio III. Tuttavia, questi pazienti hanno una probabilità più bassa di ricevere la terapia, probabilmente per il timore di eventi avversi, rispetto a quanto si osservi nei pazienti più giovani con lo stesso tumore. Ricercatori americani hanno condotto uno studio osservazionale dell’uso e degli esiti di una chemioterapia adiuvante sull’età, usando la regressione di Poisson per stimare il numero di eventi avversi dopo aggiustamento per i fattori demografici e clinici, incluse le comorbilità ed elementi specifici dei regimi chemioterapici documentati da revisione delle cartelle cliniche dettagliate e dei pazienti. Gli autori dello studio pubblicato nella rivista Journal of the American Medical Association (leggi abstract originale) hanno considerato 5 regioni geografiche (Alabama, Contea di Los Angeles, California del Nord e Carolina del Nord), 5 sistemi integrati di sanità e 15 ospedali del circuito Veteran Affairs e coinvolto 675 pazienti con diagnosi di cancro al colon in stadio III, formulata dal 2003 fino al 2005, sottoposti a resezione chirurgica e seguiti per 15 mesi dopo la diagnosi. Il regime chemioterapico, la dose, la durata e il numero medio ‘annualizzato’ di eventi avversi stratificati per età, erano tutti outcome misurati nello studio. Dei 202 pazienti anziani (età superiore a 75 anni), 101 (50%) hanno ricevuto chemioterapia adiuvante rispetto all’87% dei 473 pazienti più giovani (differenza 37%, intervallo di confidenza [IC] 95%: 30-45%).Tra i pazienti che avevano ricevuto chemioterapia adiuvante, 14 anziani (14%) e 178 più giovani (44%) erano stati sottoposti a regime contenente oxaliplatino (differenza 30%, IC 95%: 21-38%). I pazienti più anziani avevano anche una probabilità più bassa di continuare il trattamento, cioè ad esempio 99 pazienti (40%) di 65 anni o più anziani e 68 più giovani (25%) hanno dovuto interrompere la chemioterapia entro 150 giorni (differenza 15%, IC 95%: 7-23%). Nel totale, 162 pazienti (24%) hanno manifestato almeno un evento clinico avverso con maggiore frequenza nei pazienti trattati con chemioterapia adiuvante (media 0.39 vs 0.16, differenza 0.23, IC 95%: 0.11 – 0.36; p < 0.001) rispetto a quelli non trattati. Tra i pazienti in chemioterapia adiuvante, le percentuali (aggiustate) di eventi clinici avversi tardivi erano più basse nei pazienti più anziani di 75 anni (media 0.28) rispetto ai più giovani (0.35 per i pazienti di 18 – 54 anni, 0.52 per quelli di 55 – 64 anni e 0.45 per quelli di 65 – 74 anni; p = 0.008 per ogni effetto-età). Lo studio indica che i pazienti più anziani con tumore al colon in stadio III sono sottoposti a regimi chemioterapici più brevi e meno tossici, e manifestano meno frequentemente eventi avversi rispetto ai pazienti più giovani.
TORNA INDIETRO