Medinews
4 Novembre 2014

CENSIS: IL 66% ITALIANI DICE NO A CHIUSURA PICCOLI OSPEDALI

Il 66% degli italiani è contrario alla chiusura dei piccoli ospedali, considerati dal 43,8% degli importanti presidi territoriali la cui eliminazione causerebbe, secondo il 22,7%, una eccessiva pressione sulle strutture maggiori. A rilevare l’opinione degli italiani sulla razionalizzazione dell’offerta sanitaria nel nostro Paese è stato il Censis, nell’indagine “Monitor biomedico 2014”. Esiste, tuttavia, un 33% di intervistati che si dichiara favorevole alla chiusura dei piccoli presidi ospedalieri, considerati poco attrezzati e poco frequentati (13,2%) e che potrebbero essere utilizzati per rispondere a bisogni diversi (20,1%). La metà degli italiani (49%) considera inadeguati i servizi sanitari offerti dalla propria regione e il 38,5% ritiene che il servizio sanitario regionale sia peggiorato negli ultimi due anni. I giudizi degli italiani variano, tuttavia, molto a livello geografico. La percentuale di coloro che considerano inadeguati i servizi sanitari regionali scende al 27,5% al Nord-est e sale al 72% al Sud. Allo stesso modo, il 70% dei pazienti del Settentrione pensa che la qualità del servizio sanitario regionale sia rimasta uguale, mentre il 46% dei cittadini del Meridione rileva un peggioramento. Per il 64% degli intervistati, l’aspetto che pesa maggiormente, in modo negativo, nel rapporto tra gli italiani e le strutture sanitarie pubbliche e’ la lunghezza delle liste d’attesa.
TORNA INDIETRO