venerdì, 3 febbraio 2023
Medinews
30 Novembre 2010

CANCRO, I FARMACI INNOVATIVI GARANTITI IN TUTTO IL PAESE. AIOM E SIFO: “STOP ALLA MIGRAZIONE PER OTTENERE LE CURE”

I farmaci innovativi approvati dall’AIFA verranno da subito resi disponibili in tutta Italia. Fino ad oggi non era così: la disponibilità automatica era garantita solo per il 30% dei malati italiani. “Siamo molto soddisfatti. Avevamo denunciato questa situazione con la FAVO pochi giorni fa al nostro Congresso nazionale e le Istituzioni hanno risposto prontamente. Attendiamo ora di conoscere la definizione che verrà data di ‘innovativo’ e di capire quali farmaci oncologici vi saranno inclusi. Si tratta comunque di una misura concreta per porre un freno alla migrazione sanitaria interregionale e per garantire pari diritti a tutti i cittadini”– ha affermato Carmelo Iacono presidente AIOM a Sant’Alessio Siculo dove si è svolto il primo Convegno Nazionale congiunto con la SIFO in campo oncologico. Le commissioni per i prontuari regionali avranno, successivamente, un tempo di 60 giorni per valutare le nuove molecole ed esprimere, eventualmente, un parere diverso da quello di AIFA, che deve essere motivato. “E’ questo un passo avanti – sostiene la SIFO -, in quanto si dà alle commissioni regionali un tempo definito per la valutazione, omogeneizzando le procedure. D’altro canto, per la prima volta AIFA terrà in considerazione eventuali controdeduzioni o motivazioni per un uso più ristretto e mirato dell’innovazione da parte delle Regioni, e questo a vantaggio della sanità complessiva italiana e, quindi, dei pazienti”. Grazie alla immediata disponibilità su tutto il territorio nazionale dei farmaci oncologici e a un tavolo tecnico permanente per monitorare eventuali disomogeneità, tutti i malati, da Bolzano a Ragusa avranno finalmente le stesse chance di battere i tumori, malattie che ogni anno nel nostro Paese colpiscono 255.000 persone. Chiuso positivamente il primo fronte dell’accesso alle cure più innovative, se ne apre uno altrettanto delicato. “Siamo preoccupati – ha spiegato Laura Fabrizio, presidente SIFO – perchè la recente determinazione AIFA sposta alcuni particolari farmaci oncologici orali, sino ad ora dispensati solo in ospedale o dalle Asl, anche nelle farmacie di comunità. I farmaci oncologici orali rappresentano un innegabile vantaggio per il paziente e per il Servizio Sanitario Nazionale ma necessitano, proprio perché possono essere assunti a domicilio, di un monitoraggio più attento e capillare. Il fatto che la somministrazione avvenga per via orale non incide sull’efficacia ma nemmeno sul pericolo di tossicità mantenendo necessario il costante controllo da parte di personale sanitario esperto”. La collaborazione fra le due società scientifiche si pone l’obiettivo di unire le competenze per una razionalizzazione della risorsa farmaco in ambito oncologico.
TORNA INDIETRO