mercoledì, 2 dicembre 2020
Medinews
20 Gennaio 2009

CAMBIA LA CHIRURGIA USA, BOOM DI MEDICI ITINERANTI

La nuova tendenza della chirurgia generale negli Usa è quella dei medici itineranti. Negli Stati Uniti sta aumentando esponenzialmente il numero degli specialisti del bisturi che rinuncia ad una pratica privata vicino a casa, a causa dei crescenti costi, e accetta invece posizioni ‘a tempo’ in giro per le cliniche d’America. Secondo gli ultimi dati, 1 chirurgo su 20 negli Stati Uniti lavorerebbe in questo modo, tramite ‘incarichi temporanei’ che stanno cambiando il volto della medicina statunitense dove i chirurghi ‘generali’ – ossia quelli che svolgono le operazioni più comuni di appendicite, ernie, cistifellea – sono in netta diminuzione. Negli ultimi 25 anni questi specialisti sono scesi del 25%. Il motivo starebbe nei costi smisurati che i chirurghi di questa categoria si trovano ad affrontare per riuscire farsi pagare dalle assicurazioni sanitarie o dai pazienti che non posseggono nessuna assicurazione. Oggi dunque i chirurghi generali ‘itineranti’ sono la categoria in più alto aumento. Tra i giovani medici Usa che stanno specializzandosi in chirurgia solo un quarto si orienta a seguire la strada della chirurgia generale, tutti gli altri vanno verso specializzazioni ben più remunerative. Ma la tendenza preoccupa alcuni esperti che denunciano il rischio per i pazienti dei chirurghi ‘di passaggio’: i malati vengono difatti seguiti nel decorso post-operatorio da altri medici.
TORNA INDIETRO