Medinews
1 Aprile 2014

BOLDRINI: IN ITALIA CARENZE E RITARDI NELLE PREVENZIONE DEI TUMORI

“Nel settore della prevenzione e della ricerca contro il cancro dobbiamo purtroppo registrare carenze e ritardi dell’Italia rispetto a molti altri paesi. Ciò non significa che non vi siano, nel nostro paese, talenti e centri di eccellenza scientifica”. E’ questo il messaggio che la Presidente della Camera, Laura Boldrini, ha rivolto martedì scorso ai partecipanti del convegno L’innovazione e la ricerca farmaceutica in oncologia. Il “caso Italia” fra confronti internazionali e ruolo delle istituzioni. L’evento è stato promosso dalla Fondazione “Insieme Contro il Cancro” e si è svolto presso la Sala Mercede della Camera dei Deputati. Al convegno hanno partecipato tra gli altri del presidente AIOM Stefano Cascinu, del presidente European Cancer Patient Coalition Francesco De Lorenzo e del presidente della Fondazione“Insieme Contro il Cancro” Francesco Cognetti. “Aspirare invece, ad elevati standard di prevenzione e di cura non risponde soltanto ad ambizioni di progresso tecnologico e scientifico – ha proseguito la Boldrini – ma anche di civiltà e di democrazia. L’impegno politico deve essere sempre più forte laddove maggiori sono i rischi cui la dignità della persona (in questo caso dei malati) è esposta. Se non si fa questo non si fa neanche buona politica. Il tumore – ha aggiunto la Presidente -, è, infatti, un male che può essere efficacemente combattuto e, in molti casi, debellato. L’impegno della comunità scientifico nella lotta contro tale patologia deve però essere efficacemente affiancato e supportato con politiche coraggiose e lungimiranti che riconoscano, come punto qualificante e irrinunciabile, il valore della prevenzione e della ricerca”
TORNA INDIETRO