domenica, 4 dicembre 2022
Medinews
5 Giugno 2012

ASSOCIAZIONE DI CETUXIMAB A NORDIC FLOX NEL TRATTAMENTO DEL CANCRO METASTATICO DEL COLON-RETTO

Lo studio multicentrico di fase III, NORDIC-VII ha esaminato l’efficacia di cetuximab quando aggiunto a fluorouracile/acido folinico e oxaliplatino (Nordic FLOX) in bolo, somministrato in continuo o intermittente, a pazienti con cancro colorettale metastatico mai trattati precedentemente. È stata anche investigata l’influenza della mutazione KRAS sull’esito del trattamento. Ricercatori scandinavi (di Norvegia, Svezia, Danimarca, Finlandia e Islanda) hanno randomizzato i pazienti a Nordic FLOX standard (braccio A) oppure a cetuximab e FLOX (braccio B) o, ancora, a cetuximab combinato con FLOX intermittente (braccio C). Endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione (PFS), mentre la sopravvivenza globale (OS), il tasso di risposta, il tasso di resezione R0 e la sicurezza del trattamento erano endpoint secondari. Dei 571 pazienti randomizzati, 566 erano valutabili con analisi ‘intention-to-treat’ (ITT). Le analisi di mutazione KRAS e BRAF sono state ottenute rispettivamente in 498 (88%) e 457 pazienti (81%). Le mutazioni KRAS sono state rilevate nel 39% dei tumori, mentre il 12% presentava mutazioni BRAF. La presenza di mutazioni BRAF era potente fattore prognostico avverso. Nella popolazione ITT, la PFS mediana è risultata 7.9, 8.3 e 7.3 mesi rispettivamente per i tre bracci (nessuna differenza significativa). La OS era quasi identica nei tre gruppi (rispettivamente 20.4, 19.7 e 20.3 mesi) e i tassi di risposta confermati erano rispettivamente del 41, 49 e 47%. Nello studio pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Oncology (leggi abstract originale) è stato anche osservato che, nei pazienti con tumori KRAS ‘wild-type’, cetuximab non offriva ulteriore beneficio rispetto al trattamento FLOX da solo. Nei pazienti con mutazioni KRAS non è stata rilevata alcuna differenza significativa, sebbene un trend verso una PFS migliore sia stato rilevato nel braccio B. I regimi sono stati tutti ben tollerati. In conclusione, cetuximab non ha aggiunto alcun beneficio significativo al regime Nordic FLOX nel trattamento di prima linea del cancro metastatico del colon-retto.
TORNA INDIETRO