mercoledì, 1 febbraio 2023
Medinews
22 Dicembre 2009

ANEMIA EMOLITICA

L’anemia emolitica immune farmaco-dipendente (AEIFD) può manifestarsi a seguito di somministrazione di un’ampia classe di agenti farmacologici (ne sono stati identificati più di un centinaio). Il dottor George Garratty dell’American Red Cross Service della California del Sud ha analizzato, in una sessione educazionale dedicata alle anemie emolitiche, i farmaci coinvolti e i meccanismi della AEIFD ed il ruolo dei farmaci potenzialmente coinvolti in essa.
Il dottor Philip Hoffman dell’Università di Chicago ha affrontato argomenti più specifici come l’associazione dell’anemia emolitica con fludarabina, trapianto allogenico di cellule staminali o trasfusione di sangue; le complicanze dell’anemia emolitica autoimmune e la terapia dei casi refrattari di anemia emolitica autoimmune. Sono stati inoltre trattati temi quali la frequenza relativa e la morbilità degli eventi tromboembolici venosi (ETV) nei pazienti con anemia emolitica e l’importanza delle strategie di prevenzione degli stessi.


SIEnews – Numero 23 – 23 dicembre 2009
TORNA INDIETRO