venerdì, 3 febbraio 2023
Medinews
25 Maggio 2010

ANALISI PLACCHE ATEROSCLEROTICHE CON TECNICA D’IMAGING DEL RESTAURO ARTISTICO

Si chiama Oct, cioè Optical coherence tomography e permette di diagnosticare il rischio cardiovascolare attraverso l’invio di luce infrarossa in un minuscolo catetere introdotto nelle arterie coronarie da esaminare. Si tratta della stessa tecnica che viene utilizzata anche nella diagnosi applicata al restauro artistico dei dipinti. Lo si è appreso al convegno ‘Live Ivus’. “L’applicazione Oct alle arterie coronariche – si legge in una nota – è la più recente in ordine di tempo di questa metodica. Già si usa efficacemente da anni in oftalmologia per la diagnosi delle maculopatie”. La tecnica, tramite gli infrarossi, permette di analizzare con un’ottima risoluzione le strutture di superficie, come il cappuccio fibroso, cioè quella sorta di parete che riveste le placche di colesterolo che si formano nelle arterie, misurandone lo spessore, valutandone il rischio di rottura e rilevando la presenza di trombi.

Ansa
TORNA INDIETRO