lunedì, 18 ottobre 2021
Medinews
27 Gennaio 2017

American Society of Clinical Oncology Policy Brief: FDA’s Regulation of Electronic Nicotine Delivery Systems and Tobacco Products

Since the release of the first Surgeon General’s report on Smoking and Health in 1964 and subsequent Surgeon General’s reports that have implicated an increasing number of malignancies and other adverse health effects caused by smoking, the federal government and public health agencies have implemented numerous policies and intervention strategies to reduce tobacco use in the United States. These tobacco control efforts have led to dramatic reductions in … (leggi tutto)

L’espansione del mercato di ‘device’ a rilascio nicotinico diversi dalla sigaretta standard è un dato di fatto, con una penetrazione indubbiamente non omogenea né da un punto di vista geografico né per fasce di età. Pochi sono purtroppo ad oggi i dati a disposizione in merito all’esposizione a questi sistemi di erogazione e patologie associate (neoplastiche e non) e non lo saranno ancora per qualche anno. Negli Stati Uniti, dove le campagne di prevenzione primaria in alcuni Stati hanno inequivocabilmente ridotto i tassi di mortalità per carcinoma polmonare (e non solo), la percezione che questo mercato stesse prendendo piede in modo incontrollato soprattutto fra i giovanissimi ha spinto il sistema regolatorio a fissare dei paletti. Le tre regole fondamentali riguardano il divieto di vendita di questi prodotti a persone in età inferiore ai 18 anni, il divieto di vendita in macchinette self service e l’obbligo di vendita con un packaging che preveda avvisi di possibile impatto di tale prodotto sulla salute della persona che ne faccia uso. Viene inoltre vietata la distribuzione di campioni gratuiti. Di interesse in questo breve articolo anche le tabelle online, al link: http://www.fda.gov/TobaccoProducts/Labeling/TobaccoProductReviewEvaluation/.
TORNA INDIETRO