giovedì, 30 giugno 2022
Medinews
15 Novembre 2011

ALLARME OMS: IL 20% DI RIFIUTI SANITARI È PERICOLOSO

Il 20% dei rifiuti da attività sanitarie può essere infettivo, tossico o radioattivo. È l’allarme lanciato dall’OMS, che ricorda come i Paesi ad alto reddito generino una media di 0,5 kg di rifiuti pericolosi al giorno per letto, mentre per quelli a basso reddito “solo” 0,2 kg. “Gli effetti della cattiva gestione di questi rifiuti sono numerosi – si legge in una nota ufficiale -. Basti pensare per esempio che ogni anno nel mondo vengono praticate circa un miliardo di iniezioni, ma non tutti gli aghi e le siringhe sono smaltiti correttamente”. Secondo l’organismo internazionale nel 2000 le iniezioni con siringhe contaminate hanno causato 21 milioni d’infezioni da epatite B, 2 milioni di epatite C e 260 mila da Hiv. Molti di questi contagi avrebbero potuto essere evitati se le siringhe fossero state smaltite in modo sicuro. Secondo l’OMS a rischio sono operatori sanitari, pazienti e cittadini all’interno di ospedali, laboratori di ricerca, obitori, banche del sangue e case di cura.
TORNA INDIETRO