martedì, 23 luglio 2024
Medinews
9 Ottobre 2012

ALLARME ESMO: “FALSI MITI E FATALISMO OSTACOLANO LA PREVENZIONE ONCOLOGICA”

La maggioranza dei cittadini europei sottovaluta l’importanza della prevenzione primaria nella protezione dai tumori. I moniti a mangiare sano, svolgere attività fisica e non fumare non vengono recepiti dalla popolazione del Vecchio Continente. Il fallimento della prevenzione come strategia anticancro è stato al centro del Congresso ESMO 2012 che si è svolto a Vienna dal 28 settembre al 2 ottobre. La conferma della scarsa fiducia degli europei nella prevenzione arriva da una ricerca irlandese presentata nel congresso e condotta su un campione di 748 persone, delle quali 126 personale sanitario. “Complessivamente il 90% degli intervistati preferisce credere che siano i geni ereditari ad aumentare il rischio di contrarre un cancro, mentre in realtà solo il 5-8% dei tumori sono dovuti ad un gene ereditato. Sono inoltre insensibili al fatto che il 95% dei tumori dipenda dalla dieta, dallo stile di vita e dal fumo – ha spiegato il coordinatore dello studio Derek Power – Anche il personale sanitario pensa che più del 50% dei tumori dipenda dai geni e, incredibilmente, il 15 % delle persone e’ convinto di non poter modificare il proprio stile di vita. La disinformazione dilaga, ancora sono dure a morire false credenze fra le quali credere che un colpo sul seno o indossare biancheria stretta provochino il cancro, oppure usare il telefono cellulare, mangiare cibi geneticamente modificati o usare gli aerosol”.
TORNA INDIETRO