domenica, 3 luglio 2022
Medinews
19 Marzo 2012

AIFA, VIA LIBERA AL NUOVO REGOLAMENTO SU CONFLITTO D’INTERESSE

Parere favorevole dai ministeri vigilanti (dicasteri della Salute, Economia e Funzione Pubblica) al regolamento sui conflitti d’interesse adottato dall’Aifa, riguardante dipendenti ed esperti coinvolti nei processi dell’Agenzia. Alla base del provvedimento il rispetto di tre principi fondamentali: appartenenza, trasparenza e responsabilità.“Tutti coloro che hanno un rapporto di lavoro o di consulenza con l’Agenzia – si legge in una nota – sono impegnati ad agire al fine della realizzazione del bene comune e nell’interesse generale della tutela del diritto alla salute disponendo, in caso di conflitto d’interessi, che sia privilegiato l’interesse generale rispetto a obblighi di lealtà societaria o associativa. Per questo, sono tenuti a comunicare annualmente all’Agenzia qualsiasi situazione di vantaggio derivante da progetti o da azioni di competenza dell’Aifa nelle quali sono a qualsiasi titolo coinvolti”. “Per il principio di responsabilità, è necessario rispondere della correttezza e dell’efficacia delle attività svolte e a dichiararsi disponibili a rendere conto dei risultati sottoponendo le attività a processi di valutazione misurabile. Il provvedimento – conclude l’Aifa – trova applicazione anche nei confronti dei componenti degli organi decisionali o di controllo, come il consiglio di amministrazione (Cda), il collegio dei revisori dei conti (Cdr) e l’organismo indipendente di valutazione (Oiv)”.
TORNA INDIETRO