Medinews
26 Novembre 2012

AIFA: NEL VALUTARE I FARMACI UE SIA L’UNICO “CUORE PULSANTE”

“Mettere a punto politiche di armonizzazione sui trial clinici, sulle popolazioni da selezionare per gli studi, andando verso l’integrazione delle competenze di tutte le agenzie regolatorie europee”. E’ questo l’auspicio espresso dal direttore generale dell’AIFA Luca Pani. “L’obiettivo è arrivare a un sistema di omogeneizzazione dei parametri con cui noi tutti in Europa giudichiamo i farmaci – ha sottolineato Pani -. Dobbiamo essere un cuore pulsante unico e questa è la direzione nella quale stiamo andando”. Il DG dell’AIFA è intervenuto la scorsa settimana all’incontro informale organizzato a Roma fra il Comitato pediatrico e quello per i farmaci orfani dell’EMA. “I due comitati che a livello europeo si occupano delle fragilità più importanti che abbiamo, cioè quella pediatrica e quella delle malattie rare – ha spiegato Pani a margine del meeting – sono ospitati oggi nel nostro Paese nell’ambito di un accordo di sistema con il quale la presidenza Ue di turno, che appartiene a Cipro, ha chiesto un aiuto per organizzare alcuni incontri. Verranno discusse le principali sfide che si aprono nell’oncologia, nell’ematologia, nelle malattie orfane, che colpiscono dunque un numero bassissimo di pazienti e per giunta bambini”.
TORNA INDIETRO