Medinews
21 Gennaio 2014

AIFA: “LA SPERIMENTAZIONE SUGLI ANIMALI ANCORA PARTE INTEGRANTE DEL PROGRESSO MEDICO-SCIENTIFICO”

“Non è ancora maturo il tempo per rinunciare alla sperimentazione sugli animali”. E’ quanto ha affermato il Presidente AIFA Sergio Pecorelli la scorsa settimana a margine di un convegno al Senato. “Voglio ribadire in questa sede – ha detto Pecorelli – che il fine che muove l’Agenzia Italiana del Farmaco è la difesa della salute dei cittadini. Anche in momenti difficili e su vicende delicate, come il caso Stamina e il dibattito sulla sperimentazione animale, l’Agenzia non deroga mai a questo principio fondamentale. Il ruolo dell’AIFA è garantire che vengano immessi sul mercato nazionale farmaci sicuri ed efficaci, ma bisogna sempre ricordare che l’Agenzia si muove in un contesto europeo e mondiale. Ed è significativo che l’FDA abbia appena formalizzato una posizione sulla sperimentazione animale che coincide con quella dell’EMA in Europa. Il futuro sarà senz’altro segnato dalle nanotecnologie, dai sistemi computazionali, dalla bioingegneria e un giorno probabilmente sarà possibile fare a meno della sperimentazione animale. Ma è fuori dubbio che quel momento non sia giunto. La sperimentazione sugli animali è ancora oggi parte integrante della scienza e del progresso medico-scientifico”. “Sono convinto – ha concluso il Presidente AIFA – che occorra investire molto nel sistema regolatorio. Dobbiamo darci regole certe ed essere fermi e determinati nel rispettarle e nel farle rispettare. Posso assicurare che la nostra Agenzia lo sarà sempre”.
TORNA INDIETRO