venerdì, 26 febbraio 2021
Medinews
20 Ottobre 2014

AIFA: IN EUROPA SUI FARMACI SERVONO POCHE REGOLE MA CERTE

“A livello comunitario sui farmaci servono poche regole ma certe e ineludibili, che siano etiche e trasparenti, nell’interesse di tutti”. E’ quanto ha affermato il direttore dell’AIFA Luca Pani, commentando il documento d’analisi della Commissione UE L’industria farmaceutica: un settore strategico per l’ economia europea. Con un valore di 156,9 miliardi di euro ed esportazioni per oltre 107,4 miliardi, quello dell’Unione Europea, nel 2013, é stato il maggiore mercato di farmaci, mentre quella farmaceutica una delle industrie a più alta produttività, con un fatturato di 220 miliardi nel 2012. “Il mondo del farmaco muta in modo radicale – ha sottolineato Pani -. Bisogna fare i conti con nuove terapie farmacologiche, spesso molto più costose. Dobbiamo mettere i nostri produttori nelle condizioni di competere con i nuovi concorrenti senza mai abdicare al nostro ruolo di tutela della salute. Anzi è necessario consolidare il sistema regolatorio europeo e potenziare i rapporti con le autorità pubbliche dei nuovi e dei vecchi competitors extra-europei costituirà anche uno scudo alle continue minacce alla salute che provengono dalle reti illegali di vendita”.
TORNA INDIETRO