mercoledì, 8 febbraio 2023
Medinews
23 Novembre 2009

AIDS: CANCRO PRIMO KILLER FRA I SIEROPOSITIVI, SERVE PIU’ PREVENZIONE

Tumori prima causa di morte anche fra le persone sieropositive, spesso meno attente alla prevenzione del cancro perché ‘concentrate’ sulla loro infezione. Ma soprattutto i linfomi e le neoplasie del polmone e del fegato colpiscono questi pazienti e li portano alla morte molto più del virus Hiv di per sé, che ormai nel nostro Paese fa registrare una mortalità inferiore all’1%. Dell’argomento si è parlato a Roma nella sede dell’Istituto superiore di sanità, alla conferenza stampa di presentazione del XXIII Congresso nazionale Anlaids ‘Aids e sindromi correlate’. Il fatto che oggi le neoplasie uccidano più del virus Hiv “è dovuto – ha spiegato Umberto Tirelli, direttore del Dipartimento di Oncologia medica dell’Istituto tumori di Aviano e presidente del Congresso – non solo all’invecchiamento della popolazione con Hiv/Aids grazie ai trattamenti antiretrovirali, ma anche alla contemporanea presenza di virus oncogeni e a uno stile di vita che li predispone allo sviluppo delle neoplasie”. I sieropositivi, infatti, “fumano e bevono molto più della popolazione sana e bisogna assolutamente convincerli che sono abitudini davvero pericolose, perché espongono al rischio di gravi tumori”.
TORNA INDIETRO