lunedì, 15 luglio 2024
Medinews
13 Maggio 2013

AGENAS: CON SUPERTICKET -8,5% DI PRESTAZIONI SPECIALISTICHE

L’introduzione dei superticket in sanità ha comportato la riduzione dell’8,5% delle prestazioni specialistiche erogate, specialmente negli esami di laboratorio. E’ quanto emerge dall’indagine Remolet condotta dall’AGENAS in 11 Regioni per un totale dell’80% della popolazione italiana. L’Agenzia ha richiesto agli enti locali i dati relativi al numero di prestazioni specialistiche ambulatoriali, ai totali dei valori tariffari e dei ticket riscossi, nei tre settori in cui viene suddivisa l’attività specialistica ovvero diagnostica, laboratorio e attività clinica. Il periodo preso in esame confronta il primo semestre del 2011 con quello del 2012. “La riduzione – ha spiegato Cesare Cislaghi, coordinatore dell’indagine – si è avvertita maggiormente nel privato (-11,8%) che nel pubblico (-7,6%), e si è registrata in particolar modo per le prestazioni dei non esenti (-17,6%). Nel frattempo i ticket sono aumentati nel totale incassato, ma meno di quanto si prevedeva. Anzi, in alcune Regioni – ha proseguito Cislaghi – i ticket per le prestazioni di laboratorio hanno dato addirittura un gettito inferiore”. “Il 50% degli italiani ha accesso, almeno una volta l’anno, ad una prestazione specialistica – ha ricordato l’AGENAS -, ma solo 15 milioni di italiani hanno pagato il ticket, per una media di 150 euro a testa. Un quarto della popolazione del nostro Paese ha dunque versato 150 euro a testa, per un totale di circa 2,2 miliardi”.
TORNA INDIETRO