Medinews
1 Dicembre 2015

AGENAS: ANCORA TROPPE AZIENDE NON METTONO ONLINE I BILANCI

Molte aziende sanitarie italiane sono ancora carenti nella trasparenza sui bilanci: il 17% delle aziende non ha pubblicato il preventivo 2014 e l’8% non ha pubblicato il consuntivo 2013. Più critica la disponibilità dei documenti in formato aperto (il 32% delle aziende è inadempiente rispetto al consuntivo 2013 e il 40% rispetto al preventivo 2014) e in forma sintetica (il tasso medio di adempimento e’ intorno al 51%). Sono i dati rilevati dall’Agenas nel rapporto su “Trasparenza, etica e legalità nel settore sanitario” presentato oggi a Roma. Rispetto al bilancio preventivo, in 9 regioni (Valle D’Aosta, Trentino Alto Adige, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, Basilicata) tutte le aziende sanitarie hanno pubblicato il documento, mentre Sicilia, Sardegna e Molise sono le regioni che presentano il più basso tasso di adempimento (rispettivamente 39%, 36% e 0%). Complessivamente, la pubblicazione dei bilanci presenta notevoli differenze interregionali (con tassi di adempimento che variano dallo 0% al 100%) e livelli di adempimento inferiori all’atteso (ad esempio il preventivo 2014 è presente solo nell’82% delle aziende), talvolta anche in regioni di rilevanti dimensioni e con una riconosciuta buona qualità dell’amministrazione sanitaria, verosimilmente segno di un’attività ancora in evoluzione. Poco diffusa è la pubblicazione dei dati di bilancio in forma sintetica e semplificata (la percentuale relativa al bilancio consuntivo 2013 è del 58%) e dei dati in formato aperto (la percentuale relativa al bilancio preventivo 2014 è del 60%).
TORNA INDIETRO