martedì, 24 novembre 2020
Medinews
12 Giugno 2012

ADOLESCENTI OBESI ASINTOMATICI PRESENTANO GIA’ DANNI AL CUORE

Adolescenti obesi che non evidenziano sintomi di malattie cardiache subiscono però, già alla loro età, danni d’organo al cuore, secondo una nuova ricerca presentata a maggio 2012 al congresso Heart Failure tenutosi a Belgrado. Nello studio i ricercatori hanno indagato la relazione tra indice di massa corporea e funzione cardiaca negli adolescenti sovrappeso e obesi senza sintomi di malattia cardiaca. Sono stati misurati peso, altezza, circonferenza vita e fianchi, ed effettuati esame ematologico ed ecocardiogramma a un centinaio (97) di adolescenti sani. Sulla base dell’indice di massa corporea, i ragazzi sono stati divisi in tre gruppi: gruppo 1 dei magri (n=32), gruppo 2 sovrappeso (33) e gruppo 3 degli obesi (32). Utilizzando le informazioni ecocardiografiche si è stabilito che lo spessore del setto interventricolare e della parete ventricolare sinistra posteriore risultava crescere all’aumentare dell’indice di massa corporea (gruppo 1: 0,84 cm, 2: 0,88 cm, 3: 0,96 cm, e 1: 0,7, 2: 0,8, 3: 0.94 cm, per setto e parete sinistra rispettivamente). Anche le funzioni sistolica e diastolica del loro cuore risultavano compromesse. Le misurazioni sia strutturali che funzionali erano correlate all’indice di massa corporea. I risultati di tale indagine – hanno affermato i ricercatori dell’Università di Pristina in Kosovo, autori dell’analisi, al congresso belgradese – possono spiegare perché l’obesità è fattore di rischio per le malattie cardiache.

Esc
TORNA INDIETRO