martedì, 16 aprile 2024
Medinews
15 Dicembre 2017

A First-in-Human Phase 1 Study of Subcutaneous Outpatient Recombinant Human IL-15 (rhIL-15) in Adults with Advanced Solid Tumors

Preclinical data established Interleukin-15 as a homeostatic factor and powerful stimulator of NK and CD8+ T cell function, the basis for clinical testing. A first-in-human outpatient phase I dose escalation trial of subcutaneous (SC) rhIL-15 was conducted in refractory solid tumor cancer patients. Therapy consisted of daily (Monday – Friday) SC injections of rhIL-15 for two consecutive weeks (10 total doses/cycle). Clinical response was assessed by RECIST … (leggi tutto)

Studio di fase 1 che ha valutato il profilo di sicurezza di interleuchina 15 (IL-15) in soggetti affetti da tumori solidi in fase avanzata che avevano ricevuto in precedenza le opzioni di trattamento validate per la loro patologia. La dose massima tollerata di IL-15 identificata dopo trattamento di 19 pazienti è stata di 2 mcg/kg/day. Il trattamento è stato associato ad un aumento delle cellule natural killer (NK) e dei CD8 e di conseguenza ad un potenziale aumento della risposta immunologica.
Pur in assenza di risposte radiologiche obiettivabili sono state riportate stabilità di malattia di lunga durata in particolare in un soggetto affetto da carcinoma del rene. Il passo successivo sarà costituito dall’attivazione di studi di fase II finalizzati a testare l’efficacia di IL-15 quale monoterapia o in combinazioni terapeutiche.
TORNA INDIETRO