lunedì, 26 luglio 2021
Medinews
11 Gennaio 2011

8 ITALIANI SU 10 CERCANO INFORMAZIONI SULLA SALUTE SUL WEB

Otto italiani su dieci si affidano alla rete per cercare informazioni sulla salute, eppure solo uno su quattro dichiara di controllare le fonti. Secondo la ricerca ‘Bupa Health Pulse 2010′ della London School of Economics, il 65% utilizza il web per informarsi sui farmaci, mentre quasi la meta’ ricorre a internet per l’autodiagnosi (47%) o per informarsi su ospedali e cliniche (42%). Sempre secondo lo studio, nei prossimi anni con l’incremento delle vendite di smartphone e ipad si avrà un’ulteriore crescita delle informazioni online sulla salute: le persone rischiano così di imbattersi in contenuti senza fonte certa, faticando a conoscere ciò di cui si possono fidare. ”Le conseguenze possono essere serie”, commenta Sneh Khemka, direttore medico di Bupa International. ”Da una parte le persone possono sentirsi falsamente rassicurate da sintomi potenzialmente pericolosi, non cercando l’aiuto di cui hanno bisogno – spiega Khemka – dall’altra, un’informazione imprecisa può portare a preoccuparsi per nulla, a sottoporsi a esami e trattamenti che non apportano loro alcun beneficio. Quando si cercano informazioni online, e’ importante assicurarsi che la fonte sia attendibile”. Per questo, aggiunge David McDaid, ricercatore della London School of Economics, ”le persone devono ricercare le fonti online badando al marchio di qualità, verificando sia la sezione ‘Chi siamo’ dei siti web, sia la data dell’ultimo aggiornamento delle informazioni stesse”. Tra i consigli per chi si affida alla rete, gli esperti ricordano di essere molto specifici nell’inserire le parole chiave e di scegliere scrupolosamente i siti che forniscono informazioni sulla salute. Alcuni Paesi, spiegano, hanno marchi di qualità per contraddistinguere i siti web affidabili, ma in ogni caso non ci si deve dimenticare di consultare il proprio medico: internet può solo aiutare a capire qualcosa in più sulla propria salute.
TORNA INDIETRO