sabato, 13 luglio 2024
Medinews
24 Aprile 2007

IL LIBRO BIANCO DELL’ONCOLOGIA ITALIANA TERZA EDIZIONE

Nota dei curatori Quasi quattrocento (per l’esattezza 386) su 424 strutture di Oncologia Medica in Italia, vale a dire più di nove su dieci: si può affermare che il Libro Bianco ha raggiunto in tre successive e ravvicinate edizioni l’obiettivo di fornire una rappresentazione completa e reale – perché così ampia e perché controllata direttamente alla fonte – dell’universo delle cure dei tumori nel nostro Paese. Un successo testimoniato da questo quarto volume (la seconda edizione era infatti organizzata in doppia veste, nazionale e regionale) che esce alle stampe a cinque anni esatti dalla prima edizione dell’ottobre 2001. La nuova pubblicazione è molto più ampia e approfondita delle precedenti: anzitutto perché si è deciso di riunire dati nazionali e regionali per offrire una maggiore visione d’insieme. Si viene a disporre così, in un unico volume, di un osservatorio nazionale e di un monitoraggio particolareggiato, nel censimento qui pubblicato – riferito in gran parte a dati del 2004 –, spinto fino a livello di provincia e di singola struttura. In secondo luogo anche voci singole, difficilmente assimilabili nella statistica nazionale, macroregionale o regionale, sono state inserite in pubblicazione – alla fine dei paragrafi o dei capitoli sotto la voce ‘Altro – specifica’ – affinché il quadro d’insieme risultasse davvero completo e anche esperienze caratteristiche e salienti di ogni struttura (ad esempio i numerosi gruppi di studio, o la diversa organizzazione dipartimentale, o ancora le attività di aggiornamento e formazione, ecc…) non restassero in ombra. In terzo luogo, nel presente volume l’analisi risulta di gran lunga più approfondita rispetto agli anni scorsi perché – come spiegano nelle introduzioni i responsabili dell’Associazione di Oncologia Medica Italiana (AIOM) – anche ‘qualità’ e precisione dell’osservatorio si sono fatte più sofisticate e dettagliate. Ne è risultato un censimento (il terzo) di notevole precisione, che ha coinvolto i centri e i responsabili delle oncologie italiane, così come testimoniato dal basso numero di non risposte. Il volume si compone di sette sezioni: prefazione e introduzioni, il terzo censimento dell’oncologia medica italiana, i dati, l’elenco dei centri censiti, il questionario, appendice, il Consiglio Direttivo nazionale AIOM. La sezione ‘dati’ raccoglie tutti i risultati del terzo censimento nazionale: aperta da una sintesi dei risultati principali e da alcune note su abbreviazioni e acronimi, consta di 12 capitoli di tabelle numerate e di un capitolo iniziale che riunisce alcuni dei grafi ci essenziali (tratti dalle tabelle) selezionati anche sulla base di quanto evidenziato nelle precedenti edizioni. Una composizione scelta per agevolare la lettura, anche da parte dei non specialisti, e per poter confrontare i dati dei censimenti precedenti. È certo che, come ogni lavoro ‘in progress’ e com’è nelle caratteristiche di un libro bianco, sia la metodologia di raccolta che la presentazione dei dati sono passibili di perfezionamenti. Per questo invitiamo chiunque voglia segnalarci eventuali modifiche a proporle in modo da poterle valutare e inserire nelle prossime edizioni, così com’è avvenuto già in parte per questa nuova pubblicazione. Infine auguriamo a tutti una buona lettura, nella speranza che il volume possa incontrare il favore e l’interesse degli esperti così come dei non addetti ai lavori. Mauro Boldrini, Sabrina Smerrieri, Sergio Ceccone

Scarica

TORNA INDIETRO