sabato, 22 giugno 2024
Medinews
23 Maggio 2023

TUMORI: INSONNIA DISTURBO RICORRENTE PER OLTRE IL 40% DEI PAZIENTI L’AGOPUNTURA RIMEDIO EFFICACE E PRIVO DI EFFETTI COLLATERALI

Dopo 2 mesi di trattamento settimanale il 43% delle donne, con carcinoma mammario, riesce a sconfiggere il disturbo. Il prof. Paolo Marchetti: “Anche la medicina tradizionale cinese può aiutare i malati a contrastare le problematiche più frequenti indotte dalla neoplasia e dalle terapie oncologiche”

23 maggio 2023 – L’agopuntura, una delle tecniche più famose e diffuse della medicina tradizionale cinese, può rappresentare un aiuto per i pazienti oncologici. In particolare si sta rivelando un buon rimedio contro l’insonnia, una delle più frequenti conseguenze del cancro e delle sue cure. Si calcola che colpisca oltre il 40% dei malati e ne peggiora sensibilmente la qualità di vita.  E’ quanto emerso oggi a Roma durante una tavola rotonda, resa possibile ed organizzata dalla Fondazione per la Medicina Personalizzata (FMP). All’evento sono presentati i risultati di uno studio condotto presso l’Oncologia dell’Ospedale IDI di Roma su donne con tumore del seno e curate con terapia ormonale. “Abbiamo fatto svolgere alle pazienti una seduta settimanale di agopuntura – sottolinea il prof. Paolo Marchetti, Direttore Scientifico IDI di Roma, Professore Ordinario f.r. di Oncologia all’Università La Sapienza di Roma e Presidente della Fondazione per la Medicina Personalizzata -. Dopo solo due mesi i cambiamenti nella qualità e nella quantità del sonno sono stati significativamente positivi. Oltre il 43% delle partecipanti ha ottenuto la remissione completa del disturbo ed è quindi riuscita a sconfiggere l’insonnia. Abbiamo perciò dimostrato in modo scientifico le ottime proprietà benefiche di un trattamento che non presenta nessun effetto collaterale”. “La medicina tradizionale cinese sta assumendo un ruolo peculiare nella cura di alcuni disturbi – aggiunge Fabrizio Jacoangeli, Docente della Scuola di Agopuntura Energetica e Tradizionale di Roma -. In particolare l’agopuntura agisce su alcuni meccanismi sia fisiologici che psicologici. E’ un trattamento in grado di “eccitare” i recettori e le fibre nervose del tessuto stimolato. Questi a loro volta attivano, attraverso contrazioni muscolari, effetti su alcune funzioni d’organo. In oncologia può essere utile in quanto intervenire direttamente sui benefici indotti dalle terapie occidentali e inoltre agisce contro gli effetti collaterali. Con la medicina tradizionale è possibile sostenere, e talvolta anche amplificare, le azioni indotte sulla risposta immunitaria prodotta dai farmaci biologici. L’agopuntura produce un’azione de-tossificante che modera le controindicazioni delle terapie antineoplastiche come i danni epatici o cardiaci”. “C’è la possibilità e anche la necessità di integrare le due diverse “modalità di cura” per pazienti complessi come quelli oncologici – conclude il prof. Marchetti -. Ogni giorno solo in Italia più di 1.000 persone sono colpite da una forma di tumore e devono perciò iniziare un percorso di cura spesso difficile. Garantire una buona qualità di vita dopo la diagnosi, e soprattutto durante le terapie, è essenziale. Anche questo può contribuire ad ottenere una risposta positiva dell’organismo contro la neoplasia. L’insonnia ricorrente è un disturbo che non può essere sottovalutato in quanto rende veramente difficili le giornate anche ad una persona sana. Diventa ancora più invalidante per chi sta affrontando una malattia già difficile come il cancro. Ben vengano quindi tutti quei rimedi che possono aiutare un malato oncologico ad avere notti serene e soprattutto riposanti. Lo studio che abbiamo condotto a Roma, sugli effetti positivi dell’agopuntura per le donne con carcinoma mammario, rappresenta solo un primo step. Servono ora indagini più approfondite per verificare le ulteriori possibili implicazioni della medicina tradizionale cinese. Decine di migliaia di uomini e donne nel nostro Paese potrebbero infatti beneficiare di nuovi trattamenti di supporto”.

TORNA INDIETRO