martedì, 16 agosto 2022
Medinews
9 Dicembre 2002

SINTESI DELL’INTERVENTODEL PROF. FRANCESCO COGNETTI

Per un dialogo aperto tra gli oncologi, con le istituzioni e i rappresentanti dei media
L’Associazione Italiana di Oncologia Medica ha sempre creduto nell’importanza e nella trasparenza dell’informazione, sostenendo e impegnandosi a fondo nella ricerca del dialogo aperto tra gli oncologi, con le istituzioni e i rappresentanti dei media. Compito di una società scientifica come l’AIOM non è solo organizzare ed incentivare i percorsi tecnici di ricerca e di confronto in oncologia, fornendo risposte pratiche a chi è impegnato sul campo, ma anche condividere e divulgare i risultati degli avanzamenti e delle novità che interessano i cittadini. Per allargare il dibattito a tutte quelle voci che intendono portare un contributo di intelligenza e di professionalità alla crescita culturale della professione medica e oncologica e, di conseguenza, del Paese.

La divulgazione dei risultati degli avanzamenti e delle novità che interessano i cittadini
Iniziative come questo corso dovrebbero moltiplicarsi perché, se vogliamo davvero offrire un supporto continuo ai pazienti, dobbiamo seguirli non solo nella terapia antitumorale ospedaliera ma anche fornendo loro utili consigli su come affrontare il cancro tra le mura domestiche, perché anche quando subentrando anemia e ‘fatigue’ non ci si deve arrendere.

Il dibattito sull’oncologia nel nostro Paese: il ruolo degli specialisti medici e di quelli dell’informazione
E’ indispensabile parlare di più del problema ‘fatigue’ perché è dimostrato da ampi studi che nella percezione dei malati di tumore l’affaticamento supera gli altri sintomi tenuti ormai sotto controllo. E perciò necessario che tutte le più importanti scoperte, le novità in terapia e le possibilità di cura siano comunicate con la maggiore chiarezza possibile dagli oncologi agli specialisti dell’informazione medica e da questi ai cittadini.

IL PROF. FRANCESCO COGNETTI E’ PRESIDENTE DELL’AIOM
TORNA INDIETRO