domenica, 6 dicembre 2020
Medinews
12 Aprile 2002

SINTESI DELL’INTERVENTO DEL PROF. LUCIO ZICHELLA

L’interesse della ricerca scientifica nei confronti degli estratti naturali della Soia si basa su recenti osservazioni epidemiologiche che hanno evidenziato una minore incidenza dei disturbi climaterici e delle correlate patologie menopausali nelle popolazioni orientali che utilizzavano tale principio nella dieta quotidiana .
Si ritiene oggi che tale azione sia mediata da sostanze contenute nella soia denominate fitoestrogeni, così chiamati perché hanno azioni simili a quelle degli ormoni estrogeni ed anche se più deboli di questi possono tuttavia esercitare una interessante effetto biologico protettivo sul nostro corpo, purchè introdotti in quantità adeguate .
I più conosciuti ed utilizzati sono la Genisteina e la Daidzeina che hanno una configurazione chimica simile all’Estradiolo, famoso estrogeno utilizzato nelle sintesi chimiche e che si possono reperire nella frutta e nella verdura di uso comune (pomodoro, finocchio, riso, mela, ciliegio, etc.).
Essi agiscono sulla cellula con un effetto di modulazione “intelligente” sui recettori estrogenici e con associate azioni antitumorali e anti-ossidanti.
Tale efficacia si manifesta sulla diminuzione fino alla eliminazione della sintomatologia vasomotoria e neurovegetativa caratteristica della prima menopausa (vampate, sudorazioni, insonnia, ansia, depressione, secchezza vaginale) e sul riequilibrio del collagene sottocutaneo con associato controllo dell’alterato metabolismo osseo, alterazioni proprie della piena età menopausale .
Tutto ciò oltre alla dimostrata attività di normalizzazione dei lipidi e quindi delle alterazioni cardio-vascolari indicano che la terapia con Fitoestrogeni è indicata soprattutto nelle donne in prima età menopausale, nelle pazienti con controindicazioni alla terapia sostitutiva,nelle donne che la rifiutano, nelle pazienti in post-menopausa avanzata .
E’ evidente che la terapia con Fitoestrogeni può rappresentare una finestra terapeutica nell’arco della lunga cura delle problematiche menopausali ed è altrettanto evidente che va considerata una terapia a tutti gli effetti anche se di origine naturale e in considerazione dei dosaggi e dei principi utilizzati distinta da un normale integratore dietetico.
TORNA INDIETRO