lunedì, 23 novembre 2020
Medinews
12 Aprile 2002

EFFETTI DELL’ACQUA TERMALE LEOPOLDINA NELLA DERMATITE ATOPICA

Introduzione
La dermatite atopica è una condizione infiammatoria cronica in cui la compromessa immunoregolazione determina il rilascio di numerosi mediatori infiammatori nella cute. L’acqua termale Leopoldina è un’acqua ipotonica ricca di solfato. Poiché i bagni sulfurei sono stati usati con successo in patologie immuno-mediate come la dermatite da contatto, la psoriasi e la dermatite atopica, è stato recentemente suggerito che i principi attivi delle acque minerali sulfuree possano giocare in ruolo nella immunoregolazione a livello cutaneo. Abbiamo valutato gli effetti di questa acqua salso-sulfurea sulla cute di soggetti con dermatite atopica.

Pazienti e metodi
Abbiamo selezionato 10 volontari di età 23-58 anni affetti da dermatite atopica refrattaria alla terapia sistemica (includente corticosteroidi orali e locali, anti-istaminici e ciclosporina). Tutti i pazienti sono stati sottoposti al seguente schema di trattamento:
1. immersione di entrambe le braccia in acqua 2 volte al giorno: il braccio destro è stato immerso in acqua termale Leopoldina alla temperatura naturale di sorgente (27.2°C) per 30 minuti, e il braccio sinistro è stato immerso in acqua bi-distillata per 30 min a temperatura costante di 27°C.
2. entrambe le braccia sono state esposte al sole per 60 minuti dopo ciascuna immersione
3. sono state applicate liberamente creme idratanti contenenti vaselina.

Il trattamento si è protratto per 4 settimane ed è stato ben tollerato da tutti i pazienti. La risposta al trattamento è stata valutatate mediante l’indice SCORAD (SCORing Atopic Dermatitis). Sei dei 10 pazienti hanno acconsentito a sottoporsi a biopsia delle lesioni cutanee sia prima sia dopo il trattamento di 4 settimane per permettere una valutazione delle modificazioni dell’infiltrato infiammatorio cutaneo nelle aree trattate.

Risultati
Dopo 4 settimane, i pazienti presentavano un miglioramento medio dell’80.24% nel braccio trattato con acqua termale Leopoldina, mentre l’altro braccio era migliorato del 25.20%. In tutti i pazienti il prurito era notevolmente diminuito in entrambe le braccia, dell’ 82,42% per il braccio trattato con l’acqua termale e del 51,2% per quello immerso in acqua bi-distillata. Nella cute con lesioni dermatitiche, l’espressione di mRNA IL-12 p40, significativamente aumentato prima del trattamento, risultava fortemente down-regolato dopo 4 settimane di applicazione dell’acqua termale Leopoldina.


Conclusioni
Questi dati dimostrano i potenziali effetti antiinfiammatori dell’acqua termale Leopoldina sulla cute umana affetta da dermatite atopica. L’acqua termale Leopoldina può pertanto essere considerata un’opzione terapeutica naturale per il trattamento della dermatite atopica ed altre condizioni infiammatorie della pelle.
TORNA INDIETRO