Medinews
9 Aprile 2002

L’IMPORTANZA DELL’ESERCIZIO FISICO NELLA RIDUZIONE DEL DOLORE

Anche se a prima vista può sembrare un paradosso, per lenire il dolore articolare è opportuno praticare esercizio fisico. L’attività fisica è infatti ritenuta fondamentale da medici e reumatologi. Alcuni esercizi di rinforzo e di allungamento muscolare, se applicati correttamente, possono aiutare a ridurre il male accusato dal paziente, in particolare in una patologia come l’artrosi che presenta spesso un andamento sconcertante, con giorni di completo benessere alternati ad altri di dolore intenso, quasi insopportabile. Molti pazienti artrosici non svolgono attività fisica credendo così di riuscire a salvaguardare l’articolazione colpita. Questa credenza non è solo sbagliata ma anche dannosa: secondo gli esperti, infatti, alla visita reumatologica dovrebbe sempre essere associato un programma riabilitativo per insegnare al paziente le giuste posture e gli esercizi che potrà compiere a domicilio.
Non bisogna poi dimenticare che oltre al vantaggio diretto, l’esercizio fisico induce un vantaggio indiretto: la persona acquisisce fiducia in se stessa, nella capacità di riprendere movimento allontanando così lo spettro dell’invalidità. È vero che molti esercizi provocano dolore: sta al medico e al reumatologo spiegare al paziente l’importanza di insistere ed eventualmente prescrivere farmaci che attenuino questo dolore.
Una delle domande più frequenti che il paziente con artrosi pone al proprio medico é: l’intensità del dolore segna un peggioramento della malattia? In realtà, il dolore concorda solo parzialmente con l’importanza dell’artrosi. Di fatto esiste una divaricazione anche marcata fra gli stessi esami strumentali, i giudizi medici e la condizione effettiva del paziente. Può accadere che un paziente abbia referti radiologici, TAC o RMN dettagliati ed evocativi di danno strutturale: è consigliabile non prenderli alla lettera, ma discuterli con il medico e confrontarli con i propri disturbi.
TORNA INDIETRO