venerdì, 19 agosto 2022
Medinews
1 Gennaio 2001

L’ACIDO ZOLEDRONICO

Studi pre-clinici in vitro ed in vivo hanno evidenziato come sia anche dotato di una potente attività antitumorale ed antiangiogenetica. Se queste proprietà si dovessero confermare in clinica, il farmaco oltre ad essere efficace per il trattamento delle metastasi ossee potrebbe essere efficace anche nella prevenzione dell’insorgenza di metastasi ossee e nell’aumentare la sopravvivenza di pazienti con neoplasia avanzata. E’ attualmente inserito in un progetto di sviluppo clinico, allo scopo di verificarne l’efficacia e il profilo tossicologico, quando impiegato nel trattamento e nella prevenzione delle complicanze scheletriche in corso di neoplasia.

Meccanismi d’azione
E’ in grado di inibire il riassorbimento osseo attraverso l’inibizione dell’attività osteoclastica con meccanismi analoghi a quelli dei bifosfonati. Interferisce in modo diretto con il processo di maturazione e con l’attività degli osteoclasti.generale. Dati preclinici suggeriscono che l’acido zoledronico può inoltre avere attività antitumorale. I possibili meccanismi d’azione antineoplastica comprendono:
-inibizione della maturazione degli osteoclasti
-inibizione del reclutamento degli osteoclasti nelle sedi di riassorbimento osseo
-soppressione funzionale degli osteoclasti maturi
-ridotta produzione di citochine
-attività antitumorale diretta (azione citostatica e citolitica)
-inibizione della disseminazione, dell’invasione e dell’adesione alla matrice ossea delle cellule neoplastiche
-effetti antiangiogenetici


Sviluppo clinico
E’ in corso di attuazione un esteso programma di sviluppo clinico, volto a valutare l’efficacia e la tollerabilità del farmaco nel trattamento e nella prevenzione delle complicanze scheletriche secondarie a neoplasia. I seguenti trial clinici sono stati recentemente conclusi o sono in fase di svolgimento:

trial conclusi:
· Ipercalcemia neoplastica

trial in corso:
· trattamento e prevenzione delle complicanze scheletriche in pazienti affetti da:
– cancro della mammella,
– mieloma multiplo,
– cancro della prostata
– cancro del polmone ed altri tumori solidi.

· prevenzione delle metastasi ossee in pazienti con cancro della mammella e della prostata.
TORNA INDIETRO