mercoledì, 2 dicembre 2020
Medinews
20 Aprile 2001

LE 10 REGOLE DELLA PREVENZIONE NELL’IGIENE INTIMA

3. Il prodotto ideale non deve irritare la mucosa vaginale, non deve alterare il pH naturale della vagina e deve esercitare un’azione decongestionante e protettiva. Chiedere consiglio al ginecologo per la scelta del detergente più adatto

4. Durante la detersione, bisogna avere l’accortezza di esercitare la manovra di lavaggio dalla vagina verso l’ano e non viceversa. Questo evita il trasferimento di microbi di provenienza fecale nella vagina

5. Non bisogna esagerare con il numero dei lavaggi. Lavarsi troppo spesso e senza necessità può contribuire ad alterare i naturali meccanismi di difesa della vagina dalle infezioni

6. E’ consigliabile avere un occhio di riguardo per l’igiene intima durante i giorni del ciclo e in quelli immediatamente successivi. E’ bene comunque evitare l’uso abituale di lavande vaginali

7. Anche la gravidanza è un periodo delicato: curare con attenzione l’igiene intima significa anche proteggere il feto

8. Assicurarsi che il proprio partner adotti efficaci misure di igiene intima e si sottoponga alle prescrizioni del ginecologo in caso di infezioni trasmesse sessualmente

9. Eseguire periodicamente il pap-test

10. Rivolgersi al proprio ginecologo in caso di sintomi evidenti come bruciore, prurito, difficoltà a urinare, perdite di varia natura, dolore durante i rapporti sessuali
TORNA INDIETRO