Contenuto

22 luglio 2002

I NUMERI DEI TUMORI IN ITALIA

Ogni ora in Italia si ammalano di tumore 30 persone e 18 ne muoiono: si calcola che ogni anno nel nostro Paese vengano colpiti da una neoplasia circa 270.000 cittadini, una ogni 220, e che 160.000 siano i decessi. I dati riportati nella tabella seguente riportano i decessi per i tumori più epidemiologicamente rilevanti: polmone, intestino, stomaco, seno e prostata, registrati nel 1998.

t
t
I tumori colpiscono più gli uomini (60%) delle donne e, come si può vedere dalla tabella 12, di più al Nord. I dati della tabella 12, elaborati sui registri tumori nel quinquennio 1993-1998, riportano i tassi di mortalità per 100.000 abitanti; nella seconda parte della tabella è riportato il tasso di incidenza (nuovi casi), per 100.000 abitanti, nelle tre Macroregioni, Nord, Centro e Sud, e in relazione al sesso.
Le proiezioni dicono inoltre che nel 2010 saranno 400.000 i casi registrati nell'arco dei 12 mesi, vale a dire più di 1.000 al giorno. Un bambino che nasce oggi e morirà all’età di 78 anni (durata media della vita in Italia) avrà visto ammalarsi di tumore 21 milioni di suoi connazionali. Numeri enormi, dunque, ma che i progressi dell’oncologia ci consentono di guardare con meno terrore rispetto al passato. La messa a punto di nuove e più efficaci terapie consente già oggi di avere una guarigione in media nel 53% dei casi.


I DATI DEL 2000

La mortalità
In Italia il numero di morti per cancro nel 2000 è stato di 157.145 (rapporto ISTAT 2001).

L’incidenza
Nel corso del 2000, le persone colpite da cancro, cioè i nuovi casi, sono state 265.422.
In termini di tasso d’incidenza, nel 2000 i nuovi casi ogni 100.000 abitanti sono stati 536 per gli uomini e 425 per le donne.




PATOLOGIE TRATTATE NELLE STRUTTURE DI ONCOLOGIA

Nella Tabella 13 sono riportati i principali tumori diagnosticati e trattati nelle oncologie mediche censite, con la percentuale dei pazienti seguiti. I tumori gastrointestinali, della mammella e del polmone, rappresentano le neoplasie principalmente afferenti alle strutture di Oncologia Medica. Si segnala anche un 10-12% di pazienti con neoplasie ematologiche, seguiti presso le strutture censite.

LA SOPRAVVIVENZA

Anche la sopravvivenza è in netto miglioramento, con un guadagno medio di sette punti percentuali per gli uomini (dal 32 al 39%) e sei per le donne (dal 50 al 56%); complessivamente nei due sessi il valore è 47%, cioè meno della metà dei casi supera il 5° anniversario dalla diagnosi.

Come si può osservare nella tabella 2, la mortalità sta diminuendo (trend a 10 anni 88-98).

Anteprima News

22/06/18

I vaccini salvano le vite e sono sicuri: la scienza non è un’opinione

Roma, 22 giugno 2018. In riferimento a quanto dichiarato oggi dal Ministro dell’Interno il Board del Calendario Vaccinale per la vita (SIP - Società Italiana di Pediatria, SItI - Società Italiana di…
21/06/18

LA CAMPAGNA EDUCAZIONALE "BFREE" DELLA FIMP VINCE IL PREMIO #PERCHÉSÌ

La Società Scientifica dei pediatri di famiglia: “E’ un ulteriore riconoscimento al rapporto di fiducia privilegiato che abbiamo instaurato in questi anni con i bambini e i genitori italiani”

Roma, 21 giugno 2018 – Il progetto di comunicazione BFree della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) ha vinto il primo premio del prestigioso contest #PerchéSì. E’ una gara tra le migliori…
21/06/18

VENETO, OLTRE IL 20% DEI CITTADINI E’ ASSISTITO DA MEDICO FAMIGLIA E INFERMIERE
LA SIMG: “E’ UNA COLLABORAZIONE VINCENTE CHE VA ESTESA E RAFFORZATA”

Il dott. Claudio Cricelli (presidente SIMG): “La cooperazione tra queste due figure professionali raddoppia l’aderenza ai Percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali e riduce il rischio di ospedalizzazioni”

Padova, 21 giugno 2018 – In Veneto il 20% dei cittadini già oggi riceve le cure primarie sul territorio grazie a una assistenza congiunta di medico di famiglia, infermiere e collaboratore di studio.…
19/06/18

LOMBARDIA: COMO PER 3 GIORNI CAPITALE DELLA LOTTA AI TUMORI
IN VIA PLINIO IL FESTIVAL DELLA PREVENZIONE E INNOVAZIONE IN ONCOLOGIA

Monica Giordano, Direttore Oncologia Ospedale Sant’Anna: “Nel capoluogo ogni anno 1.360 casi di cancro potrebbero essere evitati”. I camici bianchi nel motorhome per fornire consigli e spiegare l’importanza degli stili di vita sani contro le neoplasie. Il 22,4% degli abitanti della Regione è sedentario, il 28,4% in sovrappeso e il 23,7% fuma

Como, 19 giugno 2018 – Como diventa capitale della lotta al cancro. Il capoluogo lombardo ospita per 3 giorni la sedicesima tappa della nuova edizione del “Festival della prevenzione e innovazione in…
13/06/18

TUMORE DEL COLON-RETTO: MEZZO MILIONE DI ITALIANI VIVE DOPO LA DIAGNOSI

Un bando per oncologi premia l’innovatività nella comunicazione per migliorare l’alleanza medico-paziente

Milano, 13 giugno 2018 – Per promuovere l’educazione dei clinici in tema di carcinoma del colon-retto metastatico, Bayer ha lanciato il progetto Evolving Oncology. L’obiettivo è individuare,…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it